| categoria: sanità

Sacche di sangue cordonale “guaste” in Sicilia, saranno distrutte

Le sacche di sangue cordonale raccolte in Sicilia dovranno essere distrutte perche’ mal conservate. E’ quanto emerso nell’audizione in commissione Sanita’ dell’Ars, del commissario straordinario dell’Asp e dei rappresentanti della Banca del sangue cordonale di Sciacca, una delle 19 presenti in Italia. “Qualcuno dovra’ chiedere scusa a ventimila donatrici siciliane”, tuona il presidente della commissione Pippo Digiacomo al termine dell’audizione. “Ventimila donne – aggiunge Digiacomo – ingannate da un drappello di impostori, che hanno donato il cordone e che ora scoprono come le cattive condizioni di conservazione abbiano reso vano il loro gesto”. Le unita’ cordonali, spiega il presidente della commissione Sanita’, dovrebbero essere conservate secondo standard qualitativi che consentano il loro impiego a livello internazionale. Questo non sarebbe avvenuto e ora dopo un sopralluogo degli ispettori del centro nazionale sangue, sara’ necessaria la distruzione delle sacche.

Ti potrebbero interessare anche:

Addio a liste d'attesa infinite, si va all'estero: "Libertà di cura in tutta l'Ue"
FECONDAZIONE/ Il Consiglio superiore di sanità approva le linee guida
In Italia domina il "turismo sanitario". Si spostano in quasi 800mila, soprattutto per pro...
Codice rosso e verde addio, in pronto soccorso arrivano i numeri
OTTO ITALIANI SU 10 CHIEDONO INFERMIERE DI FAMIGLIA
GRILLO, MANCANO 600 MILIONI PER COPERTURA LEA



wordpress stat