| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Zingaretti ricolloca tutti gli amici rimasti senza poltrona. Poi toccherà a Montalbano?

Zingaretti non perde il vizio di circondarsi di “ex” della Provincia. Si fida solo dei collaboratori e dei consulenti targati Palazzo Valentini, ma sta esagerando. Lo stesso Zingaretti che istituisce l’osservatorio tecnico scientifico per la sicurezza e la legalità è lo stesso che pochissimi giorni fa diceva basta alle nomine per fedeltà politica, che doveva prevalere solo il merito. E’ per questo che ha nominato Gianpiero Cioffredi presidente dell’osservatorio medesimo. Cioffredi, per di più, ha il merito di essere già stato al fianco di Zingaretti come coordinatore delle iniziative internazionali della Provincia. Un Zinga-boy, insomma. L’opposizione di centro destra, maliziosa, ipotizza che dietro a questo atteggiamento ci sia la riconoscenza del governatore, e il desiderio di aiutare gli amici rimasti a piedi. Ma è una cattiveria. Un incarico “a titolo completamente gratuito’, mette le mani avanti la Regione con una nota nella quale si ricorda che “Cioffredi in questi anni vanta una lunga attivita’ di volontariato nel mondo dell’associazionismo, è stato Presidente nazionale di Arci solidarieta’ e responsabile di numerosi progetti europei per la sicurezza urbana, tra i fondatori della Carovana nazionale antimafia”. Accidenti, prendiamo per buona la battuta del consigliere Pdl della Regione Lazio, Giuseppe Emanuele Cangemi, secondo i quali i proclami di Zinga “sono la solita bandiera politica da agitare davanti ai cittadini come fatto con l’immaginazione di chissà quale nuovo inizio. Alla faccia della coerenza. A questo punto, perché non dare un ruolo anche al commissario Montalbano? ” Perché no, quando saranno finiti gli amici da ricollocare…

Ti potrebbero interessare anche:

Il Papa emana il Motu Proprio: possibile anticipare il conclave
Sgominata filiale romana della 'Ndrangheta, 31 arresti
"Race for the Cure", in 70mila alla 'corsa in rosa' per "combattere il tumore al seno...
Kosovo, Thaci eletto presidente, scontri in piazza
Coppa Italia, Milan primo finalista. 5-0 all'Alessandria
Marcello De Vito non si dimette da presidente



wordpress stat