| categoria: attualità

Tav: scatta per la prima volta l’accusa di terrorismo

Val di Susa, manifestazione No Tav, scontri con Black Bloc con i poliziotti

“Attentato per finalita’ terroristiche”: per la prima volta e’ questa l’accusa che la Procura di Torino ha mosso nei confronti di 12 attivisti dell’ala estrema del movimento No Tav che il 10 luglio scorso attaccarono il cantiere di Chiomonte. Sulla base di questa ipotesi di reato sono scattate oggi all’alba perquisizioni e sequestri nelle loro abitazioni, a Torino e in valle di Susa. La Digos non ha sequestrato solo computer e cellulari, ma anche alcuni manuali per fabbricare molotov e razzi. E’ in particolare questa circostanza che secondo i pm configura il reato di “attentato per finalita’ terroristiche”. Quella notte attivisti no tav, incappucciati, tagliarono le reti e lanciarono pietre, bombe carta e razzi ad altezza d’uomo contro gli uomini delle forze dell’ordine. Il giorno successivo i carabinieri trovarono anche due bottiglie incendiarie nella boscaglia. Proprio la dinamica dell’accaduto ha portato la Procura di Torino a configurare le finalita’ terroristiche. Secondo i pm, nell’assalto furono utilizzate armi (le molotov), venne usata una strategia di tipo militare, vennero colpiti obiettivi diversi dal passato: non piu’ solo le strutture del cantiere (circostanza che di per se’ sola giustificherebbe l’accusa in quanto il cantiere e’ considerata area di interesse nazionale), ma anche le persone che lo difendono. Secondo i magistrati vi e’ stato dunque da parte degli attivisti un salto di qualita’. Da qui la decisione di procedere con un piu’ efficace strumento giuridico, ossia l’articolo 280 del codice penale, che prefigura appunto l’attentato terroristico. La decisione della Procura ha sollevato reazioni diverse tra le forze politiche. Per il segretario di Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero, il Governo si comporta peggio di Erdogan in Turchia: cerca di stroncare la protesta con la repressione piu’ brutale”. Analogo il commento del Movimento 5 Stelle, secondo il quale il governo “utilizza la magistratura per alzare il livello della tensione”. I parlamentari ‘grillini’ Mario Scibona, Alberto Airola, Ivan della Valle e il capogruppo M5S in regione Piemonte, Davide Bono, si sono detti “esterrefatti” dalla decisione della magistratura: “violenza istituzionale inedita”. Chiedono ispettori al Palagiustizia di Torino. Stessa posizione ‘contro’ hanno manifestato i sindaci no tav in una conferenza stampa convocata alla Comunita’ montana di Bussoleno: “Sono sconvolta – ha detto il sindaco Anna Allasio -. Si paragonano al terrorismo azioni di dissenso che finora non hanno provocato alcun danno. E’ un fatto sconvolgente”. Di segno opposto invece la posizione del vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri (Pdl): “Era ora che arrivasse l’accusa di terrorismo. Non si deve piu’ tollerare questa ondata di violenza. Servono risposte drastiche”. Analogo il commento del presidente della Provincia di Torino, Antonio Saitta: “tra i no tav vi sono elementi propri di una organizzazione paramilitare”. Piu’ moderata nei toni ma ferma nella sostanza la posizione del ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri: “La Tav e’ un’opera importante che dobbiamo assolutamente portare a termine e quindi occorre impegnarsi seriamente”.

Ti potrebbero interessare anche:

FISCO/ Cala la riscossione di Equitalia, Corte dei Conti meno efficace
L'Angelo della Serenissima atterra sul Carnevale perfetto
Expo, il Padiglione Italia non sarà finito per il Primo maggio. Inaugurazione senza Mattarella
Migranti, Usa valutano aiuto all'Ue Kerry traccia uno scenario apocalittico
Berlusconi operato per occlusione intestinale, ora sta bene
I MIGRANTI DELLA ALEX/ Salvini contro tutti



wordpress stat