| categoria: turismo

In Lombardia sempre meno vacanze, ma c’è chi sceglie la formula low cost e last minute

Estate in città per molti italiani

Agosto all’insegna del risparmio, tra week-end lunghi e mare ‘mordi e fuggi’. La crisi quest’anno lascerà a casa piu’ di 4 milioni di lombardi, in pratica 2 famiglie su 5 non faranno le valigie, proprio come nel 2012. In quasi tutte le province lombarde è in aumento che sceglie di non partire per le ferie estive: a Monza e Brianza, dove comunque i vacanzieri superano la media lombarda, resteranno in città più persone rispetto allo scorso anno (dal 33% al 41%). E’ quanto emerge dalla indagine ‘Le famiglie, i saldi e l’estate. Monza e Brianza e Lombardia’, realizzata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, in collaborazione con DigiCamere. In controtendenza Milano, dove le famiglie che rinunciano alle ferie passano dal 40% dello scorso anno al 27%. A Brescia andrà in vacanza meno di uno su due. Complessivamente le vacanze 2013 dei lombardi valgono 2,7 miliardi di euro, con una spesa media a famiglia di 1.190 euro (30 euro in più dello scorso anno). Per chi parte l’estate è all’insegna delle abitudini: quest’anno, il 52% non cambia rispetto ad un’estate fa, e chi parte, per i budget ridotti, sceglie vacanze piu’ brevi e all’insegna del low cost: più di 2 famiglie lombarde su 10 non rinuncia alla partenza ma abbassa i costi, riducendo la durata del soggiorno (10%), scegliendo soluzioni più economiche (10%) rimandando la data delle ferie nei periodi di bassa stagione (5%). Scegliendo soggiorni più brevi, o in campeggio, si può risparmiare in media a famiglia circa 400 euro (anche se lo scorso anno il margine di risparmio era più alto: 600 euro). Ma tra le famiglie lombarde a basso reddito solo 1 su 3 va in vacanza, e quelle che riescono ad andare spendono circa 775 euro. Sono i giovani che, pur di non rinunciare (solo il 19% non parte), si dimostrano i più disponibili ad adattarsi a soluzioni alternative (38%), magari in campeggio, riducendo la durata della vacanza oppure optando per la bassa stagione, spendendo poco più di 1.100 euro.
E’ Brescia la provincia lombarda in cui si rinuncia di piu’ alle vacanze (55%), seguita da Varese (49%). A Monza e Brianza, dove comunque i vacanzieri superano la media lombarda, resteranno in città più persone rispetto allo scorso anno (dal 33% al 41%). I milanesi invece, rispetto allo scorso anno rinunciano meno alle vacanze (27% contro 40% del 2012), ma sono anche i più disposti ad adattarsi, insieme ai brianzoli scegliendo formule più economiche come il campeggio, riducendo il soggiorno o scegliendo la bassa stagione (rispettivamente il 34% e il 31%). Il budget destinato alle vacanze supera la media lombarda solo a Bergamo (1.384) e a Milano (1.214), le famiglie più parsimoniose a Brescia e Varese (rispettivamente 1.073 e 1.077 Euro). Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Siena, torna il mercato nel campo con eccellenze gastronomiche
Autostrade, ad agosto un solo giorno da bollino nero
Siena prima città al mondo con centro storico interamente "beaconizzato"
Siena, il Duomo riapre la sua "porta del cielo"
Lugano, nuova capitale della cultura
Palazzo Barberini torna a vivere a Potsdam



wordpress stat