| categoria: Dall'interno

Finalista miss Italia su Facebook, ex marito mi ha picchiata

Le botte tornano ad approdare su Facebook: dopo il caso dell’ex compagna di Massimo di Cataldo che aveva postato su social network, con tanto di foto, le presunte violenze subite, ora tocca a Silvia Chizio, trentenne trevigiana, finalista a Miss Italia nel 2007.

”Il silenzio uccide la dignità. Io sono stata troppo tempo in silenzio” si sfoga la donna, alludendo all’ex marito, un imprenditore, da cui è separata dal 2011. La causa di divorzio, riportano i giornali, non è ancora arrivata a conclusione e la coppia ha ingaggiato un’aspra guerra in tribunale per l’affidamento dei figli. ”Stanca dei suoi viaggi di piacere in Russia e della mia solitudine quotidiana ho detto basta – si sfoga Chizio su Facebook – .Per questo sono stata ferocemente picchiata e presa a calci”. Dice ancora la donna che ”la querela per lesioni gravi è partita dall’ospedale. Ma io per paura ho ritrattato tutto. Lui prometteva di farsi curare, di cambiare, ma questo è stato solo il primo episodio di una lunga serie di violenze”.

Le denunce, riferisce il legale della donna, sono state ritirate in sede di separazione, avvenuta consensualmente. Ma secondo i post di Chizio l’incubo non si è concluso. ”Io voglio dire basta – racconta -.E non mi importa se farò come dice lui a mia madre la fine della ragazza uccisa a Montebelluna”. Il riferimento è a Denise Morello, la 22enne massacrata dall’ex fidanzato. Respinge ogni accusa il marito. ”Questa reazione – dice il suo legale – è fatta solo per screditare la figura del mio cliente e lui si riserva di valutare se vi sono estremi penali nelle dichiarazioni pubblicate su Facebook”.

Ti potrebbero interessare anche:

Rifiuti, la Corte dei Conti condanna Bassolino a pagare 5,6 milioni
Morte Pantani, Procura Rimini: "Non fu omicidio ma suicidio"
Maltempo in arrivo sul Centronord Protezione civile, scatta l'allerta
Istat: in 200 mila famiglie il padre è 'a casa' e la madre lavora
Mafia: indagine,48% studenti pensa sia più forte dello Stato
Condannato per furto di energia elettrica cambia sesso, la giustizia ricomincia da capo



wordpress stat