| categoria: primo piano

Berlusconi sul palco in Via del Plebiscito: “Io sono innocente” (Video)

Silvio Berlusconi sale sul palco in via del Plebiscito e parte l’ovazione della folla. Gli applausi vengono soffocati dalle note dell’inno di Mameli che la folla canta a squarciagola.
“Questa vostra vicinanza e questo vostro affetto mi ripagano di tante pene e di tanti dolori attraverso cui sono passato in questi giorni”, ha esordito il Cavaliere. Ha poi continuato affermando: “Sento ancora il dovere di impegnarmi con più entusiasmo e più passione”. Berlusconi ha ribadito che quella di oggi “non è una manifestazione eversiva e non siamo degli irresponsabili”. E riguardo l’Esecutivo ha affermato che “il Governo deve andare avanti e deve approvare i provvedimenti economici che abbiamo richiesto e che sono stati approvati. Prima di tutto viene l’interesse della nostra Italia. E gridando a gran voce a scandito le parole: “Io sono innocente”.
“Sono passato in questi giorni attraverso le giornate più dolorose di tutta la mia vita – ha ribadito il cavaliere – ho ripensato a quello che ho fatto come figlio, padre, cittadino e servitore dello Stato, ma mi vedo attraverso le sentenze di questa magistratura come in uno specchio che rimanda un’immagine deformata, che non e’ il vero Berlusconi”. Proclamando la sua innocenza ha poi ripetuto che “non c’è mai stata una falsa fatturazione a Mediaset”.
“La magistratura ha tentato di buttarmi fuori per 20 anni dalla politica, ora hanno raggiunto il loro traguardo”.
E salutando fa una promessa: “Sono qui per dimostrarvi la mia riconoscenza perché la commozione che mi avete creato con questo atto di amore è riuscita a trasformare quello che per me era angoscia e dolore. Ricorderò sempre questo abbraccio, l’abbraccio di un popolo che non conosce invidia, non conosce odio, ma amore per gli altri, per i più deboli e che rappresenta la parte produttiva del Paese. Un popolo che non si farà mai mettere sotto. Io vi ringrazio e vi faccio una promessa: sono qui, resto qui e non mollo”. Continueremo tutti insieme a combattere questa battaglia di democrazia e libertà e tutti insieme riusciremo a vincere e a cambiare il nostro Paese dove i cittadini non abbiamo paura di trovarsi senza colpa in carcere”.
Rientrato a Palazzo Grazioli dopo il suo intervento, Silvio Berlusconi ha riunito lo stato maggiore del Pdl nella sala del cosiddetto ‘parlamentino’ nella sua residenza-ufficio romana. Molti hanno visto il cavaliere in lacrime per la commozione, mentre rientrava a Palazzo Grazioli

L’attesa nella piazza
Alle spalle ed accanto al palco si erano radunati, già qualche ora prima, diversi parlamentari del Pdl, prima fra tutti il sottosegretario Michaela Biancofiore. Sul palco il simbolo del Pdl è accanto a quello di Forza Italia, a sottolineare un ritorno al passato. Per tutti un look assolutamente informale, dato anche il gran caldo nella capitale.
Prima dell’arrivo di Berlusconi, un lungo applauso ha salutato la presenza sul balcone di Palazzo Grazioli di alcuni dirigenti del Pdl: tra loro il capogruppo alla Camera Renato Brunetta, Daniela Santanchè, Rocco Crimi e Daniele Capezzone. Un applauso a parte si è levato quando è spuntato il coordinatore Sandro Bondi, che ieri ha scatenato la polemiche sul rischio di una guerra civile. I manifestanti, quando la musica degli inni si ferma, urlano “libertà! Libertà”.

Ti potrebbero interessare anche:

Ue: operazione militare per colpire il traffico di uomini
LIBIA/ Paura per i due italiani rapiti: agire in fretta, prima che siano venduti
Degenera la protesta anti-Trump, a Portland è guerrriglia urbana
ELEZIONI/ C'è un nuovo problema, Maroni
Spia russa, Mosca espelle 23 diplomatici britannici
Manovra, è sfida tra M5s e Lega



wordpress stat