| categoria: Dall'interno

Estate, quest’anno le partenze sono a Km 0

Quasi un italiano su quattro (24 per cento) in vacanza nel Belpaese rimane nella propria regione di appartenenza nell`estate 2013 che sta trascorrendo all`insegna del chilometro zero per i viaggi a breve distanza ma anche per le scelte a tavola e negli acquisti dei souvenir. E` quanto afferma la Coldiretti sulla base dell`indagine Ipr marketing in occasione dell’ultimo weekend di partenze prima di ferragosto. Se ben il 36 per cento degli italiani è rimasto addirittura a casa magari concedendosi brevi spostamenti giornalieri per raggiungere località turistiche al mare, al lago o in montagna situati nelle prossimità, gli altri che si sono potuti permettere di trascorrere almeno un giorno e una notte fuori casa hanno comunque tagliato – sottolinea la Coldiretti – la distanza dalle mete prefissate per effetto della crisi e del caro trasporti. Quest`estate il 32 per cento dei vacanzieri – continua la Coldiretti – ha scelto località più vicine rispetto allo scorso anno con ben sette italiani su dieci (70 per cento) in vacanza in Italia e di questi ben il 24 per cento che non si allontana neppure dalla propria regione. Tra chi lascia i confini nazionali appena il 4 per cento dei vacanzieri ha scelto – precisa la Coldiretti – lontane mete extracomunitarie.
La vittoria del chilometro zero nell`estate 2013 è sancita anche dal fatto che – sostiene la Coldiretti – l`87 per cento degli italiani in vacanza quando mangia fuori cerca un menu` locale. La percentuale è in crescita rispetto all`estate scorsa quando – sottolinea la Coldiretti – erano comunque l`82 per cento gli italiani in cerca di menu locali per gustare sapori autentici del territorio che si sta visitando e che non devono subire lunghi trasporti che fanno aumentare i costi e ne compromettono la freschezza. E` probabilmente questo il segreto del successo in Italia degli agriturismi dove – rileva la Coldiretti – si recano ben il 9 per cento degli italiani in vacanza nell`estate 2013 secondo Terranostra. Tra gli elementi che garantiscono un agriturismo di qualità spicca infatti – precisa la Coldiretti – l`utilizzo di prodotti propri e/o tipici locali indicato dal 69 per cento degli ospiti. La crisi cambia le priorita` in vacanza e quest`anno sono ben 8,3 milioni di italiani che scelgono il prodotto agroalimentare tipico del territorio a chilometri zero come souvenir preferito magari acquistato direttamente nelle fattorie e nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica. Le difficoltà economiche che costringono molti a risparmiare in vacanza spingono anche verso spese utili, con l’enogastronomia che – sostiene la Coldiretti – e diventata anche una componente irrinunciabile della vacanza made in Italy. Nell’estate 2013 – spiega la Coldiretti – i prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve vincono su tutte le altre scelte, ma va segnalato con preoccupazione il fatto che quasi 4 italiani su 10 (37 per cento) tornano a mani vuote dalle vacanze, con acquisti zero appunto. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

"Convivere peggio che uccidere", bufera sul parroco
Stato-mafia, l'ex ministro Mannino assolto. "Io perseguitato dai pm"
Vatikeaks2/ Slitta il processo in Vaticano, Roma indaga la Chaoqui
Arriva l'app che rileva stile di guida e riduce Rc auto
TERREMOTO: BEFFA DI NATALE, CASETTE SPORCHE E DIFETTOSE
MILANO/ CORTEO ANARCHICI SENZA SCONTRI, 5 BLOCCATI CON BASTONI



wordpress stat