| categoria: Dall'interno

VATICANO/ Veleni e dossier, Papa tranquillo su nomine

Veleni e malelingue del Vaticano non preoccupano papa Francesco. Il Pontefice si mostra “tranquillo” sulle recenti nomine da lui effettuate. Fonti ben informate riferiscono che le polemiche di questi giorni sulla giovane pr Francesca Immacolata Chaouqui, membro della Commissione referente sulle strutture finanziarie vaticane, non lo avrebbero particolarmente turbato, mentre nessun incontro si sarebbe svolto oggi in Vaticano tra lui e il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, di ritorno dalle sue vacanze in Valle d’Aosta. Anche sul caso del prelato dello Ior, mons. Battista Ricca, chi ha potuto parlargli recentemente lo ha trovato “sereno”, seppure “dispiaciuto”: “sono cose dolorose – avrebbe commentato lo stesso Pontefice – ma speriamo che da parte di tutti ci sia una maggiore adesione alla vita spirituale”. E’ di questi giorni il “caso Chaouqui”, la vicenda della giovane componente della commissione di monitoraggio sugli enti finanziari della Santa Sede ora nell’occhio del ciclone per i suoi ‘tweet’ che esaltano la stagione Vatileaks e danno del “corrotto” al cardinal Bertone. Una polemica che ha provocato imbarazzo al di la’ del Tevere ma, se le fonti ufficiali vaticane non commentano, ufficiosamente si tende a liquidare il tutto come una “bolla” estiva. “Chiacchiere agostane”, le definiscono fonti qualificate. Del resto non troverebbe nemmeno riscontro la previsione di un incontro per discutere del caso fra Bergoglio e lo stesso Bertone, di ritorno proprio oggi dal suo soggiorno in montagna. Il Papa e il suo primo collaboratore, che ieri ricevendo la cittadinanza onoraria di Introd affermava di voler continuare il suo servizio nella Curia romana, si vedranno comunque gia’ domani all’udienza alle squadre nazionali di Italia e Argentina, poi giovedi’ 15 durante la visita del Pontefice a Castel Gandolfo. Il caso Chaouqui e quello di mons. Ricca, il prelato dello Ior e direttore della residenza Santa Marta dove Bergoglio vive sul quale sono circolati voci e presunti dossier su suoi trascorsi “scandalosi” quando era in servizio alla Nunziatura di Montevideo, hanno sollevato dubbi su queste prime decisioni del Pontefice, intenzionato a portare avanti una profonda revisione delle strutture vaticane e dell’Istituto per lo Opere di religione. Tuttavia, le recenti polemiche non sembrano destabilizzare Bergoglio, che se da un lato si informa con i suoi collaboratori e con chi puo’ aiutarlo ad approfondire gli argomenti, dall’altro e’ consapevole anche di una prassi molto consolidata in Curia, quella dei falsi dossier fatti circolare per screditare le persone. Tanto per dire, nelle ultime settimane uno di questi “dossier-patacca” e’ stato confezionato ai danni di un alto prelato con la solita accusa di utilizzare denaro per procacciarsi incontri a sfondo sessuale.

Ti potrebbero interessare anche:

Maltempo, interrotti collegamenti ferroviari Italia-Svizzera
VATICANO/ Giornata Mondiale della Gioventù, Bergoglio: ‘Mai incuranti nei confronti di poveri, migra...
A Napoli non si pagano multe e tasse, città tecnicamente "fallita"
Fiori "antistress" nel 46% delle case italiane
Oms, rischio infezioni ed epidemie post terremoto
Nasce la rete di imprese per Viterbo città medioevale



wordpress stat