| categoria: sanità Lazio

Umberto I caos, Alessio licenzia sindacalista scomodo della Fials

“Ci opponiamo con determinazione alla procedura messa in atto dal direttore generale del Policlinico Umberto I, Domenico Alessio, nei confronti del nostro dirigente sindacale Fials, Antonio Sili Scavalli, all’interno dell’azienda per chiederne l’allontanamento dal servizio e quindi il licenziamento. Non ci lasceremo intimorire e chiediamo da subito ogni revoca dei provvedimenti”. Ad affermarlo in una nota e’ la segreteria provinciale di Roma di Fials Confsal. “Una procedura – aggiunge il sindacato – che non solo ostacoleremo sindacalmente, ma anche in tutte le altre sedi preposte alla discussione perche’ denota lo scarso valore che l’azienda Policlinico riconosce a chi da anni si batte per il rispetto dei diritti sanitari e al contempo segnala, documenti alla mano, le falle gestionali che si sono perpetrate ai danni di una struttura d’eccellenza come il nosocomio universitario tra i piu’ grandi d’Europa. Abbiamo chiesto alla direzione generale e al rettorato – precisa la nota – un incontro urgente per raffreddare i conflitti in atto”. “La messa all’indice del nostro dirigente sindacale – spiega il comunicato Fials Confsal – e’ iniziata quando lui stesso in qualita’ di rappresentate Fials all’interno del Policlinico universitario aveva espresso alcune dichiarazioni agli organi di stampa su alcuni fatti realmente accaduti all’interno dell’ospedale. Dichiarazioni che gia’ all’epoca furono interpretate in maniera completamente impropria”. “Motivi – prosegue la nota – che aprirono il varco per una serie di carteggi e comunicazioni che portarono il nostro, peraltro a sua insaputa, a essere sottoposto a Commissione etica straordinaria dell’universita’ La Sapienza. Questa commissione – prosegue la Fials Confsal – dopo accertamenti non rilevo’ alcun comportamento scorretto del dipendente in qualita’ di dirigente sindacale. Ma la vicenda a questo punto non si concluse affatto, perche’ Antonio Sili Scavalli fu sottoposto a un’indagine del Comitato dei garanti dell’Umberto I che invece, a loro giudizio, ne rilevo’ le malefatte”. “Negli ultimi giorni – sottolinea il comunicato – e’ stata notificata al dipendente una lettera, a firma del manager Alessio, in cui si comunica l’avvio del procedimento per la sospensione dell’attivita’ assistenziale e l’allontanamento dall’azienda Policlinico Umberto I. Sappiamo bene – conclude la nota – che un sindacalista puo’ essere scomodo, ma da qui a parlare di licenziamento per rivendicazioni sindacali ce ne passa.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Policlinico e quei 21 milioni di euro per gli infermieri in affitto. Tutto a posto?
Umberto I, e adesso si teme per neurofisiopatologia. In difficoltà pazienti epilettici?
LA DENUNCIA/ Tante secchiate gelate per la Sla, ma nel Lazio solo due ospedali accreditati
GIUBILEO/ La Regione Lazio garantirà l'assistenza sanitaria a tutti i pellegrini
DOMANI PRIMA RIUNIONE OSSERVATORIO SULLA SICUREZZA DEGLI OPERATORI SANITARI
SERVIZI/ Così combattiamo l'osteoporosi



wordpress stat