| categoria: esteri

Russia, critiche sulla legge anti-gay in diretta sulla Tv pro-Cremlino

Il giornalista statunitense James Kirchick

Critiche in diretta tv alla controversa legge anti-gay in Russia sono andate in onda, inaspettatamente, sul canale satellitare pro-Cremlino Russia Today. Dai suoi studi, la tv in lingua inglese, considerata megafono delle politiche di Mosca all’estero, si era collegata con il giornalista statunitense James Kirchick, invitato a commentare da Stoccolma il processo a Bradley Manning, il militare americano condannato ieri a 35 anni di detenzione per aver passato a Wikileaks migliaia di documenti riservati.
Collaboratore di testate come Washington Post e Wall Street Journal, appena presa la linea Kirchick si è infilato delle bretelle arcobaleno (simbolo mondiale del movimento Lgbt) e ha iniziato a sparare a zero contro la “terribile legge firmata da Vladimir Putin”. Alle sollecitazioni dai conduttori in studio che cercavano di riportarlo sull’argomento del dibattito, il giornalista ha rifiutato, continuando a criticare duramente anche la stessa Russia Today, a suo dire “network di propaganda finanziato dal Cremlino, che per 24 ore al giorno trasmette bugie sugli Stati Uniti”. Dopo due minuti il collegamento e’ stato interrotto e Russia Today si è scusata col suo pubblico spiegando che al giornalista era stata tolta la parola perché aveva cercato di esprimere il suo personale punto di vista su una questione non legata all’argomento della trasmissione. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Siria, Assad parla alla nazione: "Non aspettiamoci da altri la soluzione"
Agenti chimici nell'acqua degli idranti usati a Gezi Park?
Libia nel caos, inferno di fuoco a Tripoli. Razzo su depositi di petrolio
IRAQ/ Fabius all'attacco, l'Europa rientri dalle ferie
Inferno di cristallo a Dubai, sfiorata la tragedia
Papa Francesco arrivato a Cuba. Poi andrà negli Stati Uniti



wordpress stat