| categoria: attualità

In 7 mesi scoperti oltre 3mila falsi invalidi-poveri

In 7 mesi le Fiamme Gialle hanno scoperto finanziamenti ed aiuti indebitamente richiesti o percepiti per 1 miliardo di euro e denunciato 3.160 tra falsi invalidi e beneficiari di indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali. Lo ha comunicato la Guardi di Finanza. L’azione di contrasto dei reparti della Guardia di Finanza “si sviluppa sia nei confronti delle forme di frode più sofisticate ed insidiose che nei c.d. fenomeni “di massa”, tra cui rientrano i controlli sull’esenzione dai ticket sanitari e sulla percezione di prestazioni sociali agevolate quali assegni per il nucleo familiare, buoni libri e mense scolastiche, agevolazioni per tasse universitarie, etc.: oltre metà dei casi controllati sono risultati irregolari ed i benefici non dovuti perché concessi sulla base di false attestazioni reddituali. Si tratta di importi di entità limitata per singolo caso, ma che sottraggono i benefici a soggetti realmente bisognosi. Più consistenti sono, invece, le frodi al bilancio nazionale e comunitario che sottraggono risorse stanziate per la crescita e lo sviluppo economico del Paese”. Le casistiche più ricorrenti riguardano progetti finanziati dallo Stato o dall’Unione Europea non realizzati o completati, ma anche truffe ai danni dell’Inps e degli altri enti previdenziali in relazione ad erogazioni percepite in assenza dei requisiti.

Per quanto riguarda le frodi previdenziali ed assistenziali, la Gdf ha segnalato alcuni tra i casi più eclatanti. Il piano di controlli del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie, grazie al quale sono stati individuati in tutta Italia 5.600 “falsi braccianti agricoli” che hanno ricevuto indennità di disoccupazione, per malattia o maternità non dovute per 20 milioni di euro. Si tratta di personale per lo più inquadrato in aziende agricole “senza terra”, che hanno ottenuto i benefici esibendo falsi contratti di affitto dei terreni, all’insaputa dei reali proprietari, come accaduto a Cosenza o nel caso scoperto in provincia di Crotone dove firmatari dei contratti risultavano proprietari terrieri già deceduti da anni. A Ragusa, sono stati denunciati 197 responsabili di associazione a delinquere, truffa aggravata e falso ideologico, di cui 114 falsi invalidi, 74 medici e 9 tra politici e collaboratori. In molti casi, le invalidità riconosciute dalle 4 commissioni mediche sono risultate artificiosamente aggravate a seguito delle “raccomandazioni” di alcuni politici locali mentre in altri casi era stata attivata una “corsia preferenziale” per il riconoscimento delle invalidità. Incaricate di raccogliere le segnalazioni erano le segreterie dei politici, che poi attivavano i medici di riferimento, ricompensati con incarichi ben remunerati per sé o per i familiari. A Verona, sono stati scoperti 15 piloti d’aereo che hanno ricevuto trattamenti previdenziali, tra cassa integrazione guadagni, indennità di mobilità e fondo trasporto aereo, per complessivi 850.000 euro, ma che allo stesso tempo prestavano “in nero” attività lavorativa per vettori aerei mediorientali, con retribuzioni mensili di svariate migliaia di euro. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

IMMIGRATI/ Centomila persone giunte in Italia via mare dall'inizio dell'anno
L'affare è grosso, Manenti arrestato per riciclaggio, spunta l'ombra della 'ndrangheta
Facebook bocciato dalla Corte europea: non rispetta la privacy
Incinta respinta al confine francese: muore migrante
Di Maio: 'Reddito di cittadinanza in cambio di 8 ore di lavoro gratis'
Conte: «fermarla costa troppo, la Tap si farà,»



wordpress stat