| categoria: attualità

Amanda Knox, non sfuggo il processo ma non torno in Italia

Amanda Knox

Non voglio sfuggire al nuovo processo che mi attende, ma non torno in Italia perché non capisco“: è la decisione di Amanda Knox in vista del nuovo processo d’appello, a lei e a Raffaele Sollecito, per l’omicidio di Meredith Kercher che comincerà il 30 settembre a Firenze. A riportare le sue parole è oggi La Nazione. Nei giorni scorsi la Knox ha incontrato negli Usa uno dei suoi difensori, l’avvocato Luciano Ghirga, per fare il punto sulla strategia processuale. “Ho sostenuto 86 udienze – ha detto la giovane di Seattle – e in decine di occasioni ho presentato dichiarazioni spontanee, che altro dovrei dire o fare di più”. A Seattle la Knox – riporta sempre la Nazione – vive da sola in un appartamento del quartiere cinese. Studia, lingue e scrittura, e lavora per tre giorni alla settimana come addetta alla catalogazione in una biblioteca della città.

“Amanda non capisce come sia processualmente possibile che una cosa sia prima nera, poi bianca e ora di nuovo nera” ha detto oggi all’ANSA l’avvocato Ghirga. “E comunque – ha aggiunto – non sta fuggendo da niente”. “Sono libera e presunta innocente, la mia è solo una scelta processuale di affidarmi completamente ai miei difensori” ha detto ancora la Knox al suo legale. La Knox e Sollecito sono stati condannati in primo grado per l’omicidio Kercher, al quale si sono sempre proclamati estranei, e assolti in appello. La Cassazione ha però annullato la decisione dei giudici di secondo grado di Perugia disponendo un nuovo processo da celebrare a Firenze.

La presenza di Amanda Knox al nuovo processo d’appello per l’omicidio di Meredith Kercher “è dovuta per l’importanza del processo e per il rispetto dovuto alla Corte di Firenze e alla povera vittima di cui non si parla mai”. A sostenerlo è oggi l’avvocato Francesco Maresca, legale della famiglia della studentessa inglese. Il penalista ha definito “inopportune” le motivazioni della studentessa americana “di fronte a una sentenza importante come quella della Cassazione” che ha disposto di celebrare nuovamente il giudizio di secondo grado. “E’ un diritto della Knox – ha detto Maresca – di essere contumace ma questo suo atteggiamento di sentirsi vittima della giustizia è ormai intollerabile”. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Tobin tax, tares e Ivie, tre tasse al debutto
Tragedia Cermis, test alcolici sui due conducenti della slitta
MARCHIONNE: IN CONDIZIONI MOLTO GRAVI IN OSPEDALE A ZURIGO
Coronavirus, guarita turista cinese Spallanzani
Coronavirus, altri 79 morti in Italia
Mamma Vanessa: “Una serenata perché mia figlia non si senta sola”



wordpress stat