| categoria: Roma e Lazio

Strage di alberi al parco della Garbatella, distrutti altri dieci

Ancora un ”attacco” al Parco della Garbatella, a due passi dalla Regione Lazio. Dopo i 60 alberi gia’ distrutti, Legambiente fotografa lo scenario desolante che ha accolto, questa mattina, i volontari del circolo: ”Altri dieci alberi schiantati a terra con la forza, un rosso prunus completamente sradicato e appeso a testa in giu’ nel centro del Parco, cartelli gettati nei cestini, pali mesi a croce”. L’assessore all’Ambiente di Roma Capitale Estella Marino prospetta lavori a breve, nuovi alberi e una possibile recinzione. Secondo l’associazione ambientalista la ”situazione grave” e, a questo punto, occorre presidiare l’area. ”Col nostro circolo stiamo organizzando attivita’ anche di notte per evitare nuove aggressioni”, fa sapere il presidente di Legambiente Lazio Lorenzo Parlati. Intanto anche il Parco Serafini, sempre a Garbatella, e’ stato ”visitato da sconosciuti”, denuncia su Facebook il comitato che ha in gestione l’area verde. ”Dopo aver segato il lucchetto del cancello lato via Giovannipoli – riferisce – hanno aperto tutti i tombini con le scatole di derivazione, tranciato e rubati i cavi della illuminazione”. Estella Marino in mattinata ha effettuato un sopralluogo al Parco della Garbatella. ”Gli sfregi lasciano sconcertati”, il suo commento. Il capogruppo Sel in Campidoglio Gianluca Peciola sottolinea che sull’area ”c’erano tanti appetiti ed e’ diventato uno spazio pubblico a disposizione di tutti. E’ chiaro che la polizia e i carabinieri devono fare le loro indagini, pero’ e’ evidente che c’e’ una metodicita’ nell’azione che non sembrerebbe lasciare spazio ad interpretazioni troppo leggere”. Il piano dei lavori dovrebbe, a detta dell’assessore, partire a breve e prevedere la riqualificazione del verde, la piantumazione di diverse alberature, la definizione dell’area cani, percorsi pedonali interni con relativi arredi, l’impianto di irrigazione e illuminazione. ”Inoltre – aggiunge Marino – con la Regione valuteremo anche l’ampliamento e il completamento del progetto stesso, pensando forme di tutela e possibile recinzione”. ”L’orribile vicenda non ha affatto spento l’entusiasmo di chi in questi anni ha dedicato il proprio tempo libero a salvare quest’area dal cemento e a renderla un meraviglioso luogo di aggregazione”, dichiara Parlati. E ora si mira a coinvolgere tutti i cittadini in un’iniziativa prevista per sabato 7 settembre, una ”grande mobilitazione per dare una risposta di vita a chi fa azioni di morte”, dice la vice presidente del circolo Garbatella Anna Maria Baiocco. ”Ogni albero che e’ stato ucciso rimarra’ li’ come testimonianza – aggiunge – ma accanto a lui ne verra’ piantato uno ancora piu’ forte”

Ti potrebbero interessare anche:

TOR SAPIENZA: Ultimatum dei residenti al Campidoglio, via nomadi, transessuali e romeni
Blitz in clinica abusiva a Primavale. Tra i ricoverati anche Poggiolini
Marchini a Porta Portese, "qui l'illegalità legale è la metafora di Roma"
SPECIALE ELEZIONI/La Tuscia continua a preferire il Pd
Studente Usa ucciso a Roma, un fermo
RIFIUTI/ Quasi un ultimatum dal ministro Costa, o risolvete o ci sarà il commissario



wordpress stat