| categoria: turismo

A Napoli 30 mila mq e 45 storici locali per il ‘pizza village’

Oltre 30 mila metri quadri di allestimento, 4400 posti a sedere, 45 forni rigorosamente a legna, uno dei quali soltanto per celiaci: questi i numeri della terza edizione del ‘Caputo Napoli Pizza Village’, la manifestazione culinaria che si svolgerà, anche quest’anno sul lungomare partenopeo di Via Caracciolo da martedì 3 a domenica 8 settembre. L’appuntamento, promosso dall’associazione pizzaioli napoletani, celebra di fatto l’alimento più famoso al mondo coinvolgendo storiche pizzerie di Napoli e provincia ma anche due straniere: una turca e un’altra giapponese. Con un solo ticket si potrà degustare una pizza, una bibita, un dolce o un gelato e un caffè cercando di superare il record di 745 mila pizze e 300 mila visitatori dell’edizione 2012. Per sei giorni il lungomare si trasformerà in una grande pizzeria all’aperto ospitando anche, per la prima volta in città, il campionato mondiale del pizzaiolo. Presso la Rotonda Diaz, in quello che è stato battezzato lo ‘stadio della pizza’, ossia una costruzione con spalti con vista su mare e su Capri, si sfideranno 500 pizzaioli proveniente da oltre 50 paesi stranieri in rappresentanza dei cinque continenti. La gara prevede l’assegnazione di otto titoli per altrettante categorie che vanno dalla preparazione classica della pizza fino a quella acrobatica. Giochi di luce, con laser e fasci luminosi, esalteranno gli allestimenti delle 45 pizzerie, ma non mancheranno momenti di musica, spettacolo e cabaret. Sarà allestito, inoltre, un museo itinerante nei giardini di Via Caracciolo in cui è prevista l’esposizione di reperti e foto antiche della pizza partendo dai Borbone sino ad oggi. Nel museo ci saranno oltre 200 articoli: dai ‘ferri’ del mestiere al vestiario originale dei pizzaiuoli dell’epoca sino alle immagini storiche legate al prodotto culinario. La manifestazione avrà anche un occhio di riguardo per l’ambiente. Le pizzerie avranno, infatti, a disposizione un compattatore a energia solare per poter conferire il materiale organico proveniente dai residui della manifestazione. Saranno, inoltre, premiate le pizzerie che mostreranno sensibilità nei confronti del tema della raccolta differenziata.

Ti potrebbero interessare anche:

Ok dal Comune. Si arriverà in tram fino al centro storico di Venezia
Stabilimenti a misura di disabile, Friuli e Romagna le più virtuose
Cortina si prepara a 'Festa delle bande'
San Valentino, 10 camere d'albergo indimenticabili
Treno del foliage tra Piemonte-Svizzera
Aquileia 2200, la porta di Roma verso i Balcani e l'Oriente



wordpress stat