| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Frane, alluvioni, crolli: la mappa del rischio nella capitale

Frane, alluvioni, allagamenti, cedimenti del terreno e crolli di cavità sotterranee. La mappa del dissesto idrogeologico di Roma coinvolge molti quartieri, e la città eterna non è esente neanche dal rischio sismico. A tracciare il quadro della Capitale, zona per zona, è il Cng, il Consiglio nazionale dei Geologi, ricordando come nel territorio cittadino avvengono frane nelle zone di Monteverde, Monte Mario, Viale Tiziano; alluvioni dei fiumi Tevere e Aniene; allagamenti a San Paolo, Portuense e Via Tiburtina. I terremoti del passato di Castel Romano e Boccea dimostrano come Roma non sia esente dal rischio sismico, mentre nel sottosuolo si verificano cedimenti del terreno e crolli di cavità sotterranee che interessano i quartieri Appio, Tuscolano, Tiburtino, Prenestino e Casilino. Emanazioni gassose post vulcaniche riguardano zone ai confini dei comuni di Marino, Ciampino e Pomezia, Fiumicino, senza contare gli inquinamenti delle falde acquifere a Malagrotta. Si tratta di «fenomeni naturali che diventano catastrofi, cioè un problema di grande rilevanza sociale, quando interessano zone antropizzate, a causa di politiche di uso del territorio irresponsabili che producono elevati costi per la collettività», sottolinea il geologo Eugenio Di Loreto. Il Cng e l’ordine dei geologi del Lazio hanno incontrato l’assessore all’Ambiente di Roma Capitale Estella Marino per avviare un percorso di collaborazione. «Il lavoro di tecnici e professionisti è fondamentale – dichiara l’assessore Marino – svolge un ruolo di sussidiarietà a chi è chiamato ad amministrare, per avviare un serio percorso di monitoraggio e prevenzione

Ti potrebbero interessare anche:

RIFIUTI/ Malagrotta addio, ma c'è già pronto il "caso Bracciano". E Falcognana?
Quella moschea all'aperto in Colli Portuensi
Fortini (Ama) entusiasta, balzo in avanti del Lazio sulla differenziata, Roma al 43%
In arrivo ddl di riordino delle attività cimiteriali e funerarie
Ganasce e rimozioni, ci penserà l'Atac
Basilicata al centro destra, e ora Salvini punta alla Ue



wordpress stat