| categoria: sanità Lazio

Arrivano i tagli: reparti accorpati, meno primari e nuovi manager

Tagli ai primari e accorpamenti dei reparti. Per la sanità del Lazio c’è una corsa contro il tempo per evitare che il disavanzo torni a salire, come ha denunciato il tavolo di verifica con i Ministeri. Così, i direttori generali dovranno consegnare entro un mese i nuovi atti aziendali in cui inserire un taglio importante, richiesto dalla spending review. La riduzione del 35 per cento delle Unità operative complesse, vale a dire dei primari. Alcuni esempi: al Policlinico Umberto I il direttore generale, Domenico Alessio, ha quasi completato l’atto aziendale. Qui la razionalizzazione è particolarmente delicata visto che esistono reparti con un primario ma senza posti letto. Alessio alla Regione proporrà di diminuire le Unità operative complesse da 141 a 101. Altro esempio, l’Asl Roma C (Cto e Sant’Eugenio): qui il taglio su cui sta lavorando il direttore generale Antonio Paone prevede di ridurre i doppioni, visto che ci sono Unità operative con la stessa specializzazione. Il piano prevede di passare da 103 a 89 Unità operative. A questo dato vanno ad aggiungersi i numeri delle Uos (unità operative semplici) che passeranno da 84 a 25. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Al via terza edizione "estate al San Camillo"
SLA/Santori, Zingaretti sblocchi finanziamenti per assistenza domiciliare indiretta
Da marzo squadre di steward per l'accoglienza in otto Pronto Soccorso
Ospedale di Cassino in emergenza chiede un incontro al direttore generale della Asl
San Giovanni, inaugurati i nuovi Pronto soccorso materno–infantile e Terapia intensiva post-operator...
Sabaudia, a rischio chiusura il punto di Primo Intervento?



wordpress stat