| categoria: Senza categoria, sport

SERIEA/ La Lazio cala il tris, Chievo ko in 41 minuti

Un tris per cancellare le polemiche. La Lazio batte il Chievo per 3-0 e, con la seconda vittoria interna in campionato, prova a voltare pagina nel movimentato avvio di stagione. Dopo il doppio k.o. contro la Juve e il mercato poco soddisfacente secondo i tifosi, i biancocelesti hanno il merito di regalarsi un match in discesa con un gol in avvio. Pronti, via e la Lazio sfonda con un pizzico di fortuna. Candreva entra in area e tira, una leggera deviazione di Cesar beffa Puggioni e l’1-0 è cosa fatta. Il Chievo, gelato dopo un avvio promettente, incassa il colpo e riparte. I veneti provano a fare gioco e vanno vicinissimi al pareggio al 35′. Paloschi si libera al tiro ma sbatte contro Marchetti, Thereau potrebbe ribadire in rete ma il suo tap-in viene murato dal provvidenziale intervento di un difensore. Gol sbagliato e, come da regola non scritta, gol subito. Al 38′ Puggioni si esibisce in una spettacolare uscita a vuoto: volo plastico senza toccare il pallone e Cavanda, in spaccata, è bravo a insaccare sul cross di Ledesma per il 2-0. Mentre il Chievo colleziona calci d’angolo, la Lazio aggiunge un’altra rete al bottino e chiude i conti prima dell’intervallo. Un tocco di Onazi lancia Lulic in profondità, il rasoterra mancino non sembra irresistibile ma Puggioni completa il primo tempo da incubo con una deviazione ininfluente: palla nel sacco e 3-0 al 41′. Il secondo tempo è sostanzialmente inutile: il Chievo prova a costruire gioco, ma le occasioni più ghiotte capitano ancora ai padroni di casa. Al 63′ Candreva offre un altro saggio delle sue qualità balistiche: destro telecomandato, la traversa nega il poker alla Lazio. Puggioni evita la goleada respingendo al 69′ sulla conclusione di Lulic e subito dopo sul colpo di testa ravvicinato di Klose. Nel finale, nuove tracce di Chievo: Paloschi cerca fortuna sul secondo palo all’84’, Marchetti disinnesca il colpo di testa e blinda il 3-0.

Ti potrebbero interessare anche:

Patente, si cambia, dal 19 gennaio nuove regole. E per i motorini c'è la "Am"
Guerra fredda nel Pd, i big si ricompattano. Fuori i renziani
OSTIA/ Sabella, il commissario con la pistola fa discutere
Moscovici a Roma, il negoziato sulla flessibilità entra nel vivo
SCHEDA/ I Casamonica, dal funerale show a mafia capitale
Migranti: 'viaggi lusso' da Tunisia su gommoni veloci



wordpress stat