| categoria: In breve

Svizzera: sì a legge anti-burqa nel Ticino

Gli elettori del Canton Ticino hanno approvato l’iniziativa che vieta la dissimulazione del volto in pubblico. La legge anti-burqa, secondo una proiezione della Radio Televisione della Svizzera Italiana, è stata votata dal 65% dei ticinesi. Il Canton Ticino è il primo cantone svizzero a vietare l’uso del velo religioso nei luoghi pubblici.

Gli elettori in Canton Ticino sono stati chiamati a scegliere se inserire un nuovo articolo nella Costituzione cantonale con cui si vieta ”di nascondere il volto nei luoghi pubblici e in quelli aperti al pubblico” oppure bocciare la proposta e lasciare inalterata la Carta. “Nessuno può dissimulare o nascondere il proprio viso nelle vie pubbliche e nei luoghi aperti al pubblico (ad eccezione dei luoghi di culto) o destinati ad offrire un servizio pubblico”, si legge nel testo del quesito, ”Nessuno può obbligare una persona a dissimulare il viso in ragione del suo sesso”. Organizzazioni islamiche svizzere e Amnesty International hanno preso posizione contro questo progetto.

Gli svizzeri hanno votato no all’abolizione del servizio militare obbligatorio. All’iniziativa, promossa dal movimento anti-militarista Gsse (Gruppo per una Svizzera senza Esercito) ha detto no il 73% degli elettori, secondo una proiezione dei risultati dell’istituto GFS di Berna.

Ti potrebbero interessare anche:

India, esplosioni nel tempio sacro buddista. Salvo l'albero del maestro
AUSTRIA/ Strache, il successore di Haider, è il vero vincitore
CRISI/ Coldiretti, il taglio del potere d'acquisto riporta la spesa alimentare a livelli del 1981
BANCHE/ Popolari per un confronto sul decreto propongono alternative
Smartphone indiano da 3 euro, sospese vendite on line
Sperlonga: sequestro preventivo della discoteca Valle Corsari



wordpress stat