| categoria: Dall'interno

Concordia, Schettino scarica le colpe: fu il timoniere a sbagliare


L’ex comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, ha accusato il timoniere indonesiano di non aver eseguito correttamente i suoi ordini. Lo ha fatto intervenendo, per la prima volta, in aula al processo che lo vede imputato per il naufragio. “Nel momento in cui ho chiesto al timoniere di mettere i timoni a sinistra, l’errore è stato di non farlo – ha spiegato Schettino – . In quel momento la nave aveva un’accelerazione a destra”.
I legali dell’ex comandante avevano già insistito sugli errori del timoniere Jacob Rusli Bin, sollecitando i periti del gip a puntualizzarli. “Se non ci fosse stato l’errore del timoniere, di non posizionare i timoni a sinistra, ovvero l’errore di scontrarsi, cioè di evitare la derapata – ha proseguito Schettino nel suo breve intervento durante la discussione fra periti, pm e avvocati – non ci sarebbe stato quello schiaffo”.

“Volevo ridurre la velocità” – Con l’ordine di virare a sinistra, ha detto Schettino in un seconda dichiarazione spontanea in aula, “volevo ridurre la velocità angolare della poppa della Costa Concordia rispetto alla rotazione, ottenendo quindi una contro-rotazione, forse con un impatto più verso prua, certo con meno rotazione a destra. Addirittura se la nave si fosse fermata passava via liscia. Ma la manovra errata non lo permise”. “Mettere il timone a sinistra – ha proseguito – significava mettere velocità angolaredella prua quindi l’avanzo sarebbe stato privilegiato rispetto al moto rotatorio” verso destra, che la faceva scodare di poppa verso la prua. Schettino, in sostanza, evidenziando l’errore del timoniere indonesiano, ha voluto dire che tentò di allineare la nave agli scogli, cercando di rimetterla in parallelo, comunque attenuando il più possibile l’angolo di impatto che si stava delineando di lì a poco. Ma l’errore al timone, secondo l’ex comandante, vanificò questo tentativo. I periti del gip hanno comunque sottolineato che l’impatto ci sarebbe stato lo stesso.

Ti potrebbero interessare anche:

PESARO/Tenta di rubare del denaro a una slot machine, arrestato
Inchiesta Sopaf, arrestati i fratelli Magnoni: indagati per associazione a deliquere
Napoli, bomba davanti alla Deutsche Bank. «Poteva esplodere»
Isabella Noventa, spuntano nuovi video: in due auto l'ex e la sorella
MAFIA/ Blitz contro i clan dei Nebrodi dopo l'attentato ad Antoci: 22 arresti
L'Antitrust apre istruttoria su Facebook per uso dei dati



wordpress stat