| categoria: sanità

Tac di domenica e visite di sera,ecco come può cambiare la sanità

Tac, risonanze magnetiche ed ecografie di domenica, visite ambulatoriali anche pediatriche fino a tarda sera, sale operatorie in attività fino alle 20 anziché fino al primo pomeriggio. Per abbattere liste d’attesa spesso interminabili e venire incontro alle esigenze di chi lavora con orari atipici diverse aziende sanitarie scelgono di prolungare gli orari anche per prestazioni non urgenti e aprono le porte ai pazienti durante il week end. E se il Veneto e’ la regione apripista (dal 1 settembre a seguito di una delibera regionale a cui sono seguiti accordi con i sindacati dei medici e degli infermieri sono in vigore in molti ospedali i nuovi orari) già da alcuni anni in Lombardia e in Toscana si sperimentano alcune forme di flessibilità. All’istituto neurologico Besta le sale operatorie fanno orario prolungato fino alle 20 e vengono offerte prestazioni radio – diagnostiche anche il sabato mattina, al Policlinico di Milano fino alle 20 e’ possibile eseguire una tac in neuro radiologia e si fanno screening mammografici anche il sabato, al Policlinico di San Donato e’ possibile fare una risonanza magnetica o una tac anche di domenica, fino alle 19, mentre l’azienda Usl 4 di Prato focalizza l’attenzione sui servizi territoriali, offrendo tutti i giorni fino alle 20 dei pacchetti di prestazioni (diagnostica e consulenza specialistica) attivabili dai medici di base in caso di disturbi che richiedono un’urgenza, come ad esempio le coliche renali.

Ti potrebbero interessare anche:

Topi nelle sale operatorie a Bari, ed è scandalo
SANITA'/12 nuove Case della salute, 13 riconvertite
Da nuovi ticket a scadenza patto, verso mesi caldi per la Sanità italiana
Solo il 7% di pazienti con malattie digerenti curato nel reparto giusto
Autismo, in Lombardia c’è il «tutor»
Con Consip risparmi su acquisti in sanità fino al 55%



wordpress stat