| categoria: politica

La crisi manda in tilt il Pdl. Il partito perde i pezzi, perfino Cicchitto…

La decisione “di far cadere il governo” Letta-Alfano “non puo’ essere assunta da un ristretto vertice del Pdl, in assenza sia del vicepresidente del consiglio e segretario politico Alfano, sia dei due capigruppo Brunetta e Schifani”. Lo ribadisce in una nota Fabrizio Cicchitto, esponente del Pdl che in una nota conferma la solidarieta’ a Silvio Berlusconi che “non ha bisogno”, afferma, di un partito “di alcuni estremisti che nelle occasioni cruciali parlano con un linguaggio di estrema destra dall’inaccettabile tonalita’ anche nel confronto con gli avversari politici che non dobbiamo imitare nelle loro espressioni peggiori”. I parlamentari del Pdl, aggiunge, “non possono essere trattati come delle semplici pedine da manovrare, in modo per di piu’ disordinato, ad opera di pochi dirigenti del partito”. “Confermo la mia solidarieta’ a Berlusconi, ma reputo anche che un ristretto nucleo di dirigenti non possa fare il bello e il cattivo tempo nel Pdl, ancora di piu’ nella fase preparatoria di Forza Italia che, gestita come e’ avvenuto in questi giorni, viene presentata in modo assai discutibile”. Per Cicchitto, infine, “lo stesso Berlusconi avrebbe bisogno di un partito serio, radicato sul territorio, democratico nella sua vita interna, un partito di massa, dei moderati, dei garantisti, dei riformisti e non un partito di alcuni estremisti che nelle occasioni cruciali parlano con un linguaggio di estrema destra dall’inaccettabile tonalita’ anche nel confronto con gli avversari politici che non dobbiamo imitare nelle loro espressioni peggiori”.

Pdl: Bondi, partito dimostri unita’ si stringa attorno al leader – “Questo e’ il momento in cui dobbiamo dimostrare tutto quello che diciamo da anni, e cioe’ che siamo un partito vero, un partito unito che si riconosce senza distinzioni su alcuni valori essenziali e una comune visione della societa’, che siamo una comunita’ che ha la coscienza di una storia onorevole da difendere, un corpo politico che si ribella a una terribile persecuzione giudiziaria contro un leader che rende possibile la sopravvivenza stessa in Italia di un centrodestra non succube della sinistra, un leader attorno al quale dobbiamo stringerci, oggi come non mai, per testimoniare la nostra fede nella liberta’”. E’ quanto afferma in una nota il senatore del Pdl, Sandro Bondi.

“Si e’ fatta chiarezza, grazie alle scelte del presidente Berlusconi e di Forza Italia. Da una parte noi liberali e garantisti, dall’altra i giustizialisti e i tassatori, pronti solo a mettere le mani nelle tasche degli italiani e a estromettere gli avversari per via extrapolitica”. Daniele Capezzone, presidente della Commissione Finanze della Camera e coordinatore dei dipartimenti del Pdl, che aggiunge: “Ora la strada maestra e’ ridare subito la parola agli elettori, senza giochi di palazzo volti a creare micro-maggioranze improbabili e raccogliticce”.

Quagliariello, elezioni in anticipo sarebbe un errore – Le elezioni anticipate sarebbero “un grave errore”. Il ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello, intervistato da Stefano Folli sottolinea: “C’e’ un problema di carattere istituzionale difficile da ignorare”. La legge elettorale “sottoposta a giudizio di costituzionalita’ e la Corte si riunisce il 3 dicembre. Cosi’ avremo uan sentenza che potrebbe considerare incostituzionale questa legge”. Poi considera: “Siamo ai primi di ottobre e ci vogliono 55 giorni per votare. Eventuali elezioni anticipate arriverebbero dopo il giudizio della Corte”. Per Guagliariello “serve assolutamente un governo anche per fare elezioni anticipate, magari a febbraio o marzo”. Quindi aggiunge “quel che mi preoccupa e’ che avremo un governo o peggiore per il paese, per il centrodestra e anche per la vicenda di Silvio Berlusconi che e’ vicenda politica e non solo personale”. Governo: Quagliariello, mi auguro ripensamento – “Mi auguro che nell’alveo del pensiero politico” definito berlusconismo “possa nascere una posizione anche organizzativa diversa da quella espressa ieri ad Arcore”. Lo ha detto il ministro per le Riforme Gaetano Quagliariello intervistato da Stefano Polli. Un ripensamento del centrodestra? “Del centrodestra o di una parte”, e’ la risposta.

Governo: Lorenzin, mi dimetto ma non saro’ in Forza Italia – Si’ alle dimissioni “per coerenza politica nei confronti di chi mi ha indicato come ministro di questo Governo”, tuttavia “continuero’ a esprimere le mie idee e i miei principi nel campo del centrodestra, ma non in questa Forza Italia”. Lo dice il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che aggiunge:”Ho vissuto questi mesi con spirito di servizio, consapevole dell’eccezionalita’ del momento storico che sta attraversando il mio Paese. Grata a Berlusconi di avermi scelto come ministro, sono orgogliosa di quello che il governo Letta ha fatto nonostante le grandi differenze che contraddistinguono i suoi componenti. Rivendico il ruolo centrale che i ministri del Pdl hanno giocato nelle scelte di politica economica e sociale nell’interesse degli italiani”. Per Lorenzin: “Silvio Berlusconi e’ un perseguitato e il suo dramma personale e’ diventato il dramma di tutti noi, di un intero partito, dell’Italia. Comprendo fino in fondo il suo stato d’animo, ma non giustifico ne’ condivido la linea di chi lo consiglia in queste ore. Tentano di distruggere tutto quello che Berlusconi ha costruito e rappresentato per milioni di italiani”. Lorenzin conclude: “Dalla nascita di Forza Italia a quella del Pdl, ho dedicato piu’ di 20 anni all’impegno attivo in politica, per i miei ideali, per la collettivita’ e l’Italia. Questa nuova Forza Italia sta dimostrando d’essere molto diversa da quella del ’94. Manca di quei valori e di quel sogno che ci ha portati sin qui. Ci spinge verso una destra radicale in cui non mi riconosco, chiude ai moderati e li mette fuori senza alcuna riflessione culturale, segnandoli come traditori. Esprimo il mio dissenso. Io scelgo il bene degli italiani e del nostro Paese, convinta ancor piu’ di ieri che i moderati di tutti gli schieramenti sapranno ritrovarsi nel campo del centrodestra. Accetto senza indugio la richiesta di dimissioni fatta durante un pranzo a cui non partecipavano ne’ i presidenti dei gruppi parlamentari, ne’ il segretario del partito, per coerenza politica nei confronti di chi mi ha indicato come Ministro di questo Governo. Continuero’ ad esprimere le mie idee e i miei principi nel campo del centrodestra, ma non in questa Forza Italia”.

Ti potrebbero interessare anche:

Finanziamento ai partiti, bocciate mozioni M5S e Sel. I rimborsi elettorali di luglio ci saranno
Il Pd lancia la candidatura Chiamparino, un sindaco per il Piemonte
F35, L'Italia mantiene l'impegno per l'acquisto di 90, ma taglia i costi
REFERENDUM/ Com'é e come sarà il Parlamento se vince il Sì
Referendum: Matteo Renzi canta per Radio Rock: 'Votate sì o faccio il cantante...'
Grasso replica al Pd: siete patetici



wordpress stat