| categoria: In breve

Siemens taglia 15mila dipendenti.Un terzo degli esuberi in Germania


Siemens è pronta a tagliare 15mila posti di lavoro nel corso del prossimo anno, circa un terzo dei quali in Germania. Lo ha annunciato un portavoce del gruppo spiegando che il piano di licenziamenti rientra nel programma di ristrutturazione da 6 miliardi di euro da oggi al 2014 e che l’azienda ha raggiunto un accordo con i sindacati su metà degli esuberi a cui ne seguirà un altro sulla restante metà. In Germania circa 2mila posti saranno tagliati nell’unità industriale e altre 1.400 nelle divisioni energia e infrastrutture. Siemens si aspetta di chiudere l’esercizio corrente con circa 370.000 lavoratori, gli stessi dello scorso anno.

L’annuncio è arrivato oggi dopo che l’azienda ha terminato il confronto con i sindacati: “In questo modo rispettiamo i nostri impegni. Prima discutiamo con i dipendenti, poi communichiamo pubblicamente”. Ad agosto la multinazionale tedesca, dopo settimane di turbolenza, aveva portato al vertice il direttore finanziario Joe Kaeser al posto di Peter Loscher.

Loscher era arrivato al vertice di Siemens nel 2007 dalla farmaceutica Merck, ma negli anni ha accumulato molte critiche tra risultati finanziari deludenti e strategie industriali deboli a cominciare dai ritardi di diversi anni nella consegna dei treni ad alta velocità per le ferrovie tedesche.

Ti potrebbero interessare anche:

Tenta uccidere moglie dandole fuoco, poi fugge. La donna è grave
Brunetta attacca Vespa: 'Troppi 6 milioni'
Venezia, scritte ingiuriose contro i marò
Gas, Russia rinuncia a progetto gasdotto South Stream: troppa resistenza da Ue
La Carinzia sull'orlo del crac si affida al guru di Tsipras
Latina, piove di nuovo sul “24 Beach”. La Cassazione annulla il dissequestro



wordpress stat