| categoria: politica, Senza categoria

SONDAGGI/ Solo il 15% degli italiani approva la rottura Pdl

La decisione di Silvio Berlusconi di chiedere ai suoi ministri di rassegnare le dimissioni e la conseguente crisi di governo, non incontrano il favore della stragrande maggioranza del Paese. Questa sembra essere la linea di tendenza che emerge dalle rilevazioni dei sondaggisti interpellati dall’Adnkronos, il giorno dopo la tempesta politica scatenata dalla decisione del Pdl. Solo una piccola parte del campione interpellato (circa il 15 %, spiegano dall’Istituto Piepoli) accorda il proprio favore alla scelta del centrodestra. Mentre, come sostiene Mauro Pessato dell’Istituto Swg, «tra la maggioranza dei cittadini prevale la preoccupazione per uno stato di immobilismo politico che potrebbe avere fortissime ripercussioni sulla ripresa economica, vista anche l’attenzione crescente dell’Europa, nei confronti del nostro paese». «Dipende da quali saranno le prossime mosse -continua Pessato- il Paese per il momento è in attesa di vedere quali saranno le soluzioni adottate, se si cercherà il compromesso o si tratterà piuttosto di tradimenti e passaggi di schieramento. Allo stato attuale oltre il 40% del campione interpellato non esprime preferenze di voto. I prossimi giorni saranno decisivi per orientare questi indecisi».

Ti potrebbero interessare anche:

Panino e bibita in camera, più cari gli hotel di Mosca e Parigi
Vancouver, Miley Cyrus choc: mima sesso sul palco davanti a genitori e bimbi
Totoministri, incognita Tesoro, spunta l'ipotesi-spacchettamento
Firenze prima tappa di "Il gioco più tuo in tour"
GIUSTIZIA/ Pm Boccassini, temo la cattiveria dei miei colleghi
Congresso radicale, segnali contrastanti. Assente Bonino, freddo Pannella



wordpress stat