| categoria: sanità Lazio

AssoTutela, “Ares 118: è invasione di auto mediche private

“Il 118 di Roma in questi giorni ha implementato il parco macchine. Peccato però che di aziendale non ci sia nulla anzi, fioriscono le auto mediche e le ambulanze di società private”. Lo rende noto il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che aggiunge: “Non sappiamo se queste nuove attribuzioni siano frutto di gara di appalto, trattativa privata o qualsiasi altra forma di contratto consentita presso le aziende pubbliche, qual è appunto l’Ares 118. Non vorremmo – incalza il presidente – che in questo caso si ricorra alla cosiddetta chiamata ‘spot’, che in gergo significa chiamata in caso di emergenza. La fattispecie in sostanza, si riduce a situazioni ben precise: a) ambulanze trattenute in pronto soccorso per impossibilità di ricovero, b) carenza di mezzi e operatori del 118, c) maxiemergenza casi che, in questi giorni non sembrano presenti nella capitale e dintorni. Soltanto in presenza di queste tre occorrenze – continua Maritato – si potrebbe ricorrere all’ausilio dei privati ma, a meno che non sia stata indetta gara di cui non abbiamo scorto alcuna pubblicità, non ci sembra ricorrano a Roma e provincia tali condizioni. Allora perché tale proliferazione di mezzi privati? In una sanità al collasso possiamo permetterci tanto? Non vorremmo che, come avvenuto alcuni giorni fa davanti alla centrale operativa di Roma, tutti gli imprenditori privati arrivino a minacciare gesti inconsulti per muovere a compassione la direzione aziendale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Allarme al Fatebenefratelli, stipendi in ritardo?
Il percorso di umanizzazione nelle cure oncologiche
Cimo ricorre al Tar contro le unità di degenza gestite da infermieri
LA DENUNCIA/ Federfarma Roma, negata medicina urgente a neonato con malattia rara
Parto a rischio, miracolo S. Giovanni: epidurale a ultrasuoni salva due vite
Rsa pubblica di Genzano? Una conquista



wordpress stat