| categoria: sanità, Senza categoria

INNOVAZIONI/ Uniformi ospedaliere con chip per gestione automatizzata

Distributori automatici di capi piegati o in gruccia, ricettori di capi sporchi, nastri trasportatori modulari, e capi dotati di un chip Rfid che riesce a tracciare la loro intera storia. Grazie infatti alla tecnologia Uhf, è possibile rintracciare le uniformi ospedaliere anche a distanza, riuscendo ad avere un elenco dei capi persino all’interno di un intero cassone di biancheria sporca. È il sistema automatizzato, interamente italiano, progettato dalla Zucchetti Centro Sistemi, azienda toscana con sedi a Nuoro e Parma, nata nel 1985 da un’iniziativa imprenditoriale di Fabrizio Bernini, oggi azionista e amministratore delegato dell’azienda. È uno dei progetti presentati al VII Meeting internazionale della divisione robotica di Zucchetti Cs, nel Resort La Bagnaia nel cuore delle colline senesi. Tema centrale dell’appuntamento: l’innovazione come spinta propulsiva per continuare a crescere ed essere competitivi sui mercati internazionali. ‘Seminiamo idee, costruiamo futurò, il nuovo claim aziendale che sintetizza la filosofia aziendale. «Grandi idee, enormi sforzi progettuali, molte risorse umane e finanziarie impiegate nella realizzazione di prodotti nuovi, tecnicamente performanti e altamente innovativi. Dobbiamo creare valore, ottenere un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza. Innovare senza trascurare il dettaglio di ciò che abbiamo realizzato», dichiara Fabrizio Bernini, presidente della Zucchetti Centro Sistemi spa, azienda diventata negli ultimi anni leader nel settore della meccatronica (è passata da un fatturato di 8 mln euro a uno stimato di oltre 50 mln di euro del 2013, con una crescita prevedibile del 15% rispetto all’anno precedente). «Insieme ai numeri del fatturato -afferma Bernini- crescono anche i numeri dei dipendenti e collaboratori, oggi si contano circa 200 persone. I motivi della crescita aziendale sono senz’altro legati al successo di Ambrogio, il robot rasaerba, che ha spostato il core business aziendale dall’informatica alla robotica. Venduti oltre 200.000 modelli in oltre 30 paesi, è arrivato oggi ad essere l’unico rasaerba robotizzato che presenta una gamma completa per ogni esigenza di giardino. In occasione del meeting verranno presentati gli ultimi modelli e le novità ‘rivoluzionariè da un punto di vista tecnologico». «Non accettiamo il confronto con i prodotti scadenti, ripudiamo la concorrenza sleale sui prezzi; vogliamo continuare a fare quello per cui siamo capaci e ci ha permesso di diventare una delle aziende leader del settore: creare prodotti innovativi e performanti», dice Bernini. Il nuovo sistema automatizzato per la distribuzione sicura delle divise ospedaliere, ha risolto e migliorato la gestione uniformi di molte importanti strutture, italiane ed estere. «Grazie all’implementazione del sistema -racconta Giorgio Di Pietro, vicepresidente della So.Ge.Si, partner nell’installazione effettuata presso la Fondazione Policlinico Tor Vergata di Roma- abbiamo ottenuto vantaggi di triplice natura: da un lato un abbattimento di costi variabili per l’impresa, dall’altro un efficientamento del servizio in termini di controllo e di massima disponibilità in pronto uso delle divise per gli operatori autorizzati e infine una notevole riduzione dell’impatto ambientale, ottenuta grazie al numero inferiore di divise, e alla totale assenza delle buste di plastica, prima indispensabili».

Ti potrebbero interessare anche:

M5S contro Corriere; grillini scatenati, "Battista un maggiordomo"
Tuscolano, 45enne suicida. Si è impiccato sul palcoscenico del suo club
EPATITE C/ Aifa estende l'accesso gratuito al nuovo farmaco
Il 28 giugno scade la mini proroga degli sfratti, allarme Codacons
CASERTA/ Dimesso dopo un pomeriggio in osservazione, muore davanti all'ospedale
Fai, villa Balbianello la più visitata



wordpress stat