| categoria: sport

Brescia, Maifredi dura novanta minuti. Il nuovo tecnico è Bergodi

E’ durato solo una partita (la sconfitta per 2-0 in casa del Latina) il ritorno in panchina di Gigi Maifredi, direttore tecnico del Brescia che ha “traghettato” i lombardi dopo la tormentata vicenda delle dimissioni dell’allenatore Marco Giampaolo (con tanto di “scomparsa” dell’ex tecnico di Catania, Cesena, Cagliari e Siena, irreperibile per molte ore). La panchina delle “rondinelle” è ufficialmente affidata a Cristiano Bergodi. Lo rende noto il club lombardo sul sito ufficiale. L’ex allenatore del Pescara eredita una situazione difficile con appena 7 punti conquistati in 7 giornate di campionato e una classifica più vicina alla zona retrocessione che a quella playoff. Il Brescia rende noto inoltre “di aver sollevato dai rispettivi incarichi” Fabio Micarelli e Roberto Peressutti, collaboratori del precedente tecnico Marco Giampaolo, “ai quali va il ringraziamento per il lavoro fin qui svolto”. Ivan Zauli invece “resterà nei quadri tecnici del settore giovanile”, chiarisce ancora il Brescia, ringraziando “Gigi Maifredi che si è dimostrato uomo-società, per aver accettato di guidare la squadra nella trasferta di Latina in attesa della nomina del nuovo tecnico”.

La notizia non coglie di sorpresa Maifredi, consapevole da subito del suo ruolo di “traghettatore” temporaneo: “Non sono tornato ad allenare, è bene essere chiari. Io sono un uomo della società e se serve sono pronto anche a traghettare le situazioni.

Mi dispiace per Giampaolo, si potevano fare buone cose. Nella gestione della vicenda abbiamo sbagliato qualcosa. L’organico è valido ed è stato frenato soprattutto dalle assenze pesanti”. Ospite della trasmissione radiofonica “Pezzi da 90” sull’emittente umbra Radio Onda Libera, Maifredi ha inoltre commentato il sorprendente primo posto in classifica del Lanciano: “E’ una squadra fresca, pimpante. Bisogna vedere se avrà la forza per proseguire con questo passo. In B la classifica iniziale può risultare condizionata dalla preparazione. Le realtà più ambiziose guardano alla distanza”. Parole di stima anche per il Palermo del nuovo allenatore Iachini: “Parliamo della grande favorita che ha giocatori fortissimi. Iachini è uno pratico, ha già vinto in categoria e sa gestire certe cose”.

Ti potrebbero interessare anche:

Il Giro incorona Contador. Ma l'Italia impazzisce per Aru
Wimbledon, Serena vince il derby di famiglia. Avanti Murray, Federer e Wawrinka
RIO2016/ Incredibile Italvolley, rimonta gli Usa e vola in finale
Famiglia Cristiana ha scelto Bebe Vio: è l'Italiana dell'anno
Germania-Messico 0-1, i campioni steccano la prima
LA ROMA NON PUNGE E SPROFONDA A PARMA



wordpress stat