| categoria: Dall'interno

Lampedusa, il racconto del palombaro: nella stiva c’è un muro di corpi

«Laggiù c’è un vero e proprio muro fatto di corpi, tutti abbracciati l’uno all’altro. Saranno decine. Per riuscire a lavorare serenamente non guardavo in faccia i cadaveri perchè altrimenti sarebbe stato difficile continuare». Il sottotenente di vascello Marco Presti, 39 anni, nonostante la giovane età è un palombaro della Marina Militare molto esperto. È appena risalito dal fondale di Lampedusa dove ha recuperato decine di corpi rimasti incastrati nel barcone che si è inabissato giovedì mattina davanti alle coste di Lampedusa. Presti non fa trapelare un filo di emozione, ma si vede che è ancora scosso per quanto ha visto durante le immersioni di questo pomeriggio. «Siamo scesi intorno alle 16.30 – racconta Presti all’Adnkronos – abbiamo organizzato tre coppie di palombari. Siamo scesi a 47 metri di profondità e abbiamo subito avuto chiara la situazione». «Siamo andati nel corridoio del barcone -racconta ancora Presti- ma tutta la zona era ostruita da diversi cadaveri. Corpi intrecciati, bloccati sott’acqua e ormai quasi saponificati. Ho provato un grande senso di pena ma l’addestramento ci ha consentito di potere continuare». La cosa che più ha colpito il giovane caponucleo dello Sdai (Sminamento difesa antimezzi insidiosi) di Augusta (Siracusa) è stata vedere quei corpi avvinghiati all’interno del relitto. «Siamo addestrati ad entrare in spazi anche molto ristretti -racconta ancora il sottotenente Marco Presti- ma non mi sono mai trovato davanti ad una scena simile».

Ti potrebbero interessare anche:

Autobomba alla Clementoni: fermato l'attentatore
SAVONA/ Tirreno Power, la procura attacca: 'La centrale a carbone di Vado Ligure ha causato 400 mort...
Incidente a Orte, rallentamenti sulla Roma-Firenze: ritardi sull'Alta velocità fino a 60 minuti
Riciclaggio: arrestati il re delle slot Corallo e l'ex parlamentare Laboccetta. Indagati ex cognato ...
Studentessa 18enne violentata in classe a Parma da un compagno. «Altri due guardavano»
Deborah torna libera, colpì il padre per difendersi



wordpress stat