| categoria: politica

Regione Puglia, al via il taglio dei costi della politica

Spesa pubblica più leggera alla Regione Puglia. Punta al contenimento dei costi della politica il provvedimento sul trattamento economico previdenziale approvato oggi all’unanimità dal Consiglio regionale della Puglia. L’Aula ha deciso che sarà a totale carico dei consiglieri regionali, per tutta la durata del loro mandato, il costo della polizza assicurativa cumulativa contro i rischi da infortuni. «Eliminiamo un beneficio – ha spiegato in Aula il presidente della settima commissione consiliare, Giovanni De Leonardis – e tagliamo, se pur in minima entità, alcuni costi della politica».
Inoltre, sempre in tema di ‘taglì e di eliminazione di sprechi, l’assemblea pugliese ha deciso di ridurre i compensi dei componenti dei Consigli di indirizzo e verifica (Civ) degli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) pubblici pugliesi. Il Consiglio regionale ha approvato (con 42 voti a favore e 2 astenuti) modifiche alla legge n. 12/2005 (comma 9 art. 14). «Il compenso del presidente per ogni seduta del Civ – ha spiegato in Aula il presidente della I commissione Dino Marino – è di circa 4mila euro. Un corrispettivo enorme,
dal momento che il Comitato si riunisce una volta al mese». Con la decisione adottata dall’Assemblea legislativa pugliese il corrispettivo del presidente è ridotto e passa dal 40 al 25% (rispetto al trattamento economico del direttore generale) mentre per i componenti il compenso sarà pari al 30% (rispetto al trattamento del presidente). «È un modo per diminuire gli sprechi – ha commentato Marino- ed i costi della gestione degli apparati amministrativi sanitari».

Ti potrebbero interessare anche:

D'Alema pompiere, Berlusconi non causerà la crisi
Napolitano-Renzi, rispetto ma restano le distanze
Braccio di ferro sul gasdotto nel Salento, l'ultima parola al governo
A Roma Costituente Comunista, con l'obiettivo di realizzare un soggetto unitario
La Serracchiani: Il problema dell'Italia é Salvini
EUROGRUPPO APRE AL DIALOGO, MA LA MANOVRA VA RIVISTA



wordpress stat