| categoria: sanità Lazio

VITERBO/Sanità, Cgil e vertici Asl a confronto «Stop al taglio dei posti letto»

Viterbo, ospedale Belcolle“Dobbiamo puntare sulle case della salute. E’ questa la ricetta per garantire una sanità vicina al cittadino”. Lo ha detto Miranda Perinelli, segretario della Cgil, in apertura dell’assemblea organizzata martedì alla Camera di commercio.

L’incontro, che ha riunito tutti i vertici del sindacato e la direzione strategica della Asl, è servito per fare il punto sulla situazione sanitaria della Tuscia. “Finora – ha spiegato Perinelli – abbiamo pagato il deficit del comparto con tagli ai posti letto, dismissioni di ospedali, depotenziamento delle strutture convenzionate. Una ricetta sbagliata che non ha comportato alcun risparmio, mentre ha fatto colare a picco i livelli assistenziali offerti ai viterbesi”.

Tra gli esempi citati, la chiusura di Ostetricia e ginecologia di Civita Castellana e lo smantellamento dell’ospedale di Acquapendente, con un punto di primo soccorso dove l’anestesista non è garantito di notte né il fine settimana. “Il risultato? Un aumento vertiginoso della mobilità passiva: i viterbesi – ricorda il segretario – sempre di più vanno a curarsi fuori provincia, con una spesa annua per la nostra Asl di 129milioni di euro”.

Per superare la logica dei tagli lineari, Perinelli ribadisce la necessità di puntare sulle case della salute, ovvero strutture a metà tra gli ambulatori e gli ospedali, previste nell’atto aziendale predisposto dal commissario Macchitella, ora sospeso dalla Regione in attesa di ridistribuire i posti letto nel Lazio

Ti potrebbero interessare anche:

Si sono dimenticati del Recup: la Regione non paga, centro prenotazioni a rischio
ACQUAPENDENTE/Barillari, "Zingaretti ha firmato la morte dell'ospedale"
Cantone a tutto campo, chiamato a vigilare anche sui lavori dell'Umberto I
Porta di Roma, il presidio sanitario nel centro commerciale funziona: 900 interventi in un anno
UNA NUOVA CASA DELLA SALUTE A CECCANO
CORONAVIRUS/ Il Bernardini di Palestrina e il Covid, polemiche sulla decisione. E c'è una petizione



wordpress stat