| categoria: editoriale, Senza categoria

E va a finire che ha ragione Grillo

E va a finire che ha ragione Grillo, sia per una ragione di disciplina di partito che per una ragione di buon senso. Qualcuno ha mai pensato che il Beppe nazionale sia di sinistra? Pochi.Di destra? Qualcuno di più.Grillo ricorda più di altri quella lontana esperienza dell’Uomo Qualunque, lui è “contro”, intercetta disagi, li interpreta, gioca come il gatto con il topo con i disastri del potere politico e di quello economico, mischia un po’ di problematiche ambientali e il gioco è fatto. Il Movimento ha risucchiato al suo interno reduci e delusi dell’estrema sinistra, ma Grillo non vuol farsi condizionare e tiene la barra dritta. Complicato gestire dall’esterno un esercito così eterogeneo e i grillini in parlamento non gradiscono di essere eterodiretti. Ma su alcuni punti Grillo e il suo guru hanno il dovere e il diritto di far ragionare la truppa. E lo scontro in Parlamento lo conferma. Ideologia e posizioni preconcette devono restare fuori dal Movimento Cinque Stelle. La solidarietà è una cosa, la legge è un’altra. Si possono modificare le norme, ma non si può accettare una disparità di trattamento tra cittadini italiani e non. Lo stato di profugo è una cosa, l’ingresso nel nostro paese motivato da altro va valutato. Non siamo tutti clandestini.

Ti potrebbero interessare anche:

SCHEDA/ Cannes, tutti i premi del 67/mo festival
USA/ Dopo "marijuana libera" primi licenziamenti dei lavoratori che fumano
SCUOLA/ Anief, basta sperimentazioni.Si alzi l'obbligo
Migranti, quasi una rissa tra Italia e Francia. Renzi: faremo da soli
VATILEAKS/ Pell, andiamo avanti, serve moralizzazione
Tunisia, presidente concede grazia a oltre 1.600 detenuti



wordpress stat