| categoria: politica

Primo via libera alla legge sulla diffamazione. Stop al carcere per i giornalisti

Via libera dell’Aula della Camera al testo che riforma il reato di diffamazione a mezzo stampa, cancellando il carcere per i giornalisti e i direttori di testate. I sì sono stati 308, 117 i contrari, 8 gli astenuti. Il testo passa al Senato. Contro votano Sel e M5S.

“Mettiamo fine ad un anacronismo, quello della carcerazione per i giornalisti, che riecheggia culture incompatibili con la democrazia costituzionale”. Cosi’ Pino Pisicchio, autore della prima proposta di legge di riforma della diffamazione, commenta l’approvazione del provvedimento che elimina la pena detentiva per i giornalisti. “Certo, si poteva fare di più – aggiunge il presidente del gruppo Misto – si poteva porre l’istituzione di un Giurì d’onore per evitare la giurisdizionalizzazione dei contrasti tra giornalista e cittadino, cosi’ come sarebbe stato utile approfondire i temi relativi all’uso delle nuove tecnologie della comunicazione. Torneremo a porre il tema sul piano di una proposta organica. Oggi accontentiamoci di un passo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Imu: ok al rimborso della prima rata 2013, ai Comuni 2,3 miliardi
Compravendita di Senatori, il processo a Napoli: pronta la lista dei testimoni
Berlusconi blinda il patto delle riforme, l'Italicum non si tocca
Fini annuncia: tornerò in politica. E ipotizza un movimento...
Livorno, il sindaco Nogarin denuncia la bufala del suo arresto
SONDAGGI/ In ripresa il Pd, il M5S e Forza Italia. Si ferma la corsa della Lega



wordpress stat