| categoria: Roma e Lazio

“No ai Fori pedonali”, due cortei mandano il traffico in tilt

«Stop degrado, smog e caos». Ancora una volta i comitati di quartiere sono scesi in piazza oggi contro quella che loro stessi definiscono la «finta pedonalizzazione» dei Fori Imperiali mandando completamente in tilt il traffico di gran parte del centro storico della Capitale. Contemporaneamente da piazza Vittorio, centro della Roma multietnica, è partito il corteo di Casapound che ha invocato la creazione di una zona solo per i negozi cinesi, ben divisa da quella degli esercizi commerciali italiani. Gli attivisti di estrema destra hanno poi raggiunto i comitati in via Labicana, creando un mix di malumore e applausi tra i manifestanti. Un centinaio di residenti e attivisti dei quartieri Esquilino e Monti si è ritrovato oggi pomeriggio a piazza Iside, a due passi da via Labicana, per protestare contro i disagi creati dalla pedonalizzazione di via dei Fori Imperiali e chiedere al sindaco Marino di ripensare al progetto. «Oggi gli offriamo su un piatto d’argento una proposta – dice Marco Veloccia, uno dei promotori -: il doppio senso di marcia su via Nicola Salvi e via degli Annibaldi, in modo da recuperare la viabilità e al contempo pedonalizzare i Fori». Al grido di «Cemento, caos, declino. Guarda che hai fatto sindaco Marino», i manifestanti si sono fermati in circolo all’incrocio tra via Merulana, viale Manzoni e via Labicana, paralizzando di fatto la circolazione nel centro storico della Capitale. Una sorta di dimostrazione, da parte dei manifestanti, di quanto accade nei loro quartieri da quando, quasi quattro mesi fa, il sindaco Marino inaugurò i Fori pedonali. A sostenere la protesta dei comitati è arrivato anche il corteo di Casapound che, proprio all’Esquilino, hanno la loro sede. Tra tricolori e slogan contro il degrado, gli attivisti hanno portato la loro solidarietà ai comitati di quartiere, nonostante qualcuno – infastidito – lasciasse la manifestazione reclamando il carattere «apolitico» della protesta, alla quale ha preso parte anche il minisindaco del I Municipio, Sabrina Alfonsi, da sempre favorevole al progetto di pedonalizzazione. «Non stiamo, io perlomeno, bocciando o ripensando il progetto finale di una pedonalizzazione intorno ai grandi monumenti come il Colosseo – afferma -. Ma stiamo cercando di far sì che questo progetto possa essere attuato senza che ci sia una parte della città, di commercianti e residenti, che lo debbano subire mentre tutti gli altri lo possono fruire». Nel frattempo continuano i lavori di rimozione dei new jersey in via Labicana, contro i quali proprio gli stessi comitati si erano scagliati lamentando il contrasto con i palazzi storici del quartiere. Al loro posto saranno installati dei cordoli in granito, già a partire da lunedì prossimo.

Ti potrebbero interessare anche:

Gli inquilini delle case popolari bloccano il traffico sulla Collatina. Traffico in tilt
Vertice in Campodoglio con Tronca su interventi contro guano e topi
Roma, arrestati tre presunti jihadisti: pronta autobomba per gli infedeli?
Mafia Capitale, appalti per i campi rom: chiesto processo per 17 persone
Rpma caos, l'assessore Mazzillo si allinea ma i conti sono un disastro
DE VITO, PRESIDENTE OREF PALADINA IGIENE? PENSI A CONTI



wordpress stat