| categoria: Cultura

Il “Cammino immortale” verso Santiago de Compostela


Con oltre un milione di visitatori dal 2005 ad oggi, Santiago di Compostela è senza ombra di dubbio la meta di pellegrinaggio più gettonata dei nostri tempi. Tra viandanti, mistici, coppiette in scarpe da ginnastica e turisti seduti sui sedili di comodi pullman, il medico e autore di best seller (ora anche nelle librerie italiane per Ponte alle Grazie) J.C. Rufin affronta il suo personale “apprendistato del vuoto”.

Ottocento chilometri da Hendaye, all’estremo sudovest della Francia, fino alla maestosa Cattedrale di San Giacomo. Un lungo tragitto raccontato con piglio demistificante, ironico, intenso.

Tra dettagli concreti, riflessioni storiche e religiose e il desiderio di smascherare gli impostori degli ultimi chilometri, l’autore restituisce al Cammino per antonomasia la sua verità. Si tratta di una verità fatta di organizzazione capillare ed esasperante improvvisazione; di fango, case sbilenche e meravigliose coste battute dalle onde; di Giacomei ingabbiati in una lunga sequenza di mode e tic e solitari alla ricerca di se stessi. È un percorso che può cominciare ovunque, e finire nella piazza dell’Obradoiro o tra le pagine di un libro. Perché anche se la maggiore caratteristica del Cammino è far dimenticare in fretta le ragioni per cui si è partiti, la strada continua ad agire su chi l’ha percorsa. Lo fa lentamente, in maniera sottile e discreta, come è nel suo stile. Un’ “alchimia dell’anima” che non necessita di spiegazioni. Basta partire, lungo i sentieri o sulla carta poco importa. Come Rufin ben sa, il Cammino immortale è fatto per chi va alla ricerca di niente. Tranne la voglia di continuare ad andare.

L’AUTORE – Jean-Christophe Rufin, medico e scrittore, premio Goncourt nel 2001, membro dell’Academie française e vincitore del Premio Nomad’s. È stato ambasciatore in Senegal dal 2007 al 2010. I suoi romanzi sono tradotti in tutto il mondo.

Ti potrebbero interessare anche:

Nel “mistero nuziale” di Scola, l’amore va continuamente ridefinito
MOSTRE/ Le meraviglie dell'impressionismo russo
Uffizi, corridoio vasariano "democratico, aperto a tutti
Brueghel, due secoli arte fiamminga alla Reggia di Venaria
“Parole e musica … appunti sull’anima” , ad Ardea il ricordo di Franco Califano - [AUDIO]
DONNE NELL'ARTE, CORPI, SGUARDI E IDENTITÀ



wordpress stat