| categoria: esteri, Senza categoria

Miss Universo, Mosca sbarra la strada al Kosovo, esclusa la reginetta

Mirjeta Shala

La politica irrompe sul concorso di Miss Universo, e a farne inconsapevolmente le spese è Miss Kosovo, l’affascinante 19/enne Mirjeta Shala. Quest’anno per la prima volta il concorso planetario di bellezza si terrà il 9 novembre a Mosca, tra le capitali meno amiche del Kosovo: la Russia non riconosce infatti l’indipendenza proclamata cinque anni fa da Pristina e, in segno di solidarietà con la Serbia – storico e fedele alleato nei Balcani, che respinge la sovranità della sua ex provincia a maggioranza albanese – non ha invitato la reginetta kosovara. Alla bella Mirjeta, originaria della località di Vushtri (a nord di Pristina) e che non difetta certo dei numeri per ben figurare nella finale mondiale – bruna dal fisico statuario, lineamenti da modella, alta 1,83 – Mosca ha negato il visto d’ingresso in Russia. Troppo compromettente, da un punto vista politico, avere in passerella la rappresentante, bella quanto si vuole, di un Paese che per la Russia è solo virtuale e non esiste sulla carta geografica. Immediata e simmetrica la solidarietà «etnica» da parte di Miss Albania, Fioralba Dizdari, che ha annunciato il ritiro dalla competizione moscovita. Dei quasi 2 milioni di abitanti del Kosovo, oltre il 90% sono di etnia albanese. I serbi sono circa 120 mila, buona parte dei quali concentrati nel nord del Paese al confine con la Serbia. La contrapposizione etnica fra maggioranza albanese e minoranza serba – la città divisa in due di Kosovska Mitrovica ne è l’esempio più evidente – è alla base della persistente situazione di instabilità politica e sociale del Kosovo, dove il 3 novembre si vota per le elezioni locali, previste dall’accordo dello scorso aprile fra Belgrado e Pristina. Elezioni che daranno vita alla nuova comunità autonoma dei serbi del Kosovo, prevista dall’accordo mediato dalla Ue. La delusione per la mancata partecipazione della propria rappresentante a Miss Universo traspare sulla stampa di Pristina, che sottolinea la bella figura fatta dalle reginette kosovare nei concorsi planetari degli ultimi anni. Nel 2009 la 18enne Marigona Dragusha arrivò tra le cinque donne più belle del mondo nella gara di Miss Universo vinta alle Bahamas dalla venezuelana Stefania Fernandez. La Miss Kosovo dell’anno precedente, Zana Krasniqi, era entrata tra le prime dieci finaliste del concorso mondiale. Lo scorso anno la reginetta kosovara Diana Avdiu era giunta 16/ma a Miss Universo. Il Kosovo, teatro di un conflitto armato a fine anni Novanta tra forze regolari serbe e guerriglieri indipendentisti albanesi, proclamò unilateralmente l’indipendenza dalla Serbia il 17 febbraio 2008. Finora l’hanno riconosciuto 106 dei 193 Paesi rappresentati alle Nazioni Unite, fra cui gli Usa e 23 dei 28 stati membri della Ue, Italia compresa. Non l’hanno invece riconosciuto Spagna, Grecia, Romania, Cipro e Slovacchia, oltre a Russia, Cina e Serbia, che continua a considerare il Kosovo una propria provincia meridionale.

Ti potrebbero interessare anche:

Maltempo, chiusa per neve la A1 nel tratto appenninico. Due ore di stop ed è il caos
Raid senza sosta in Siria, Erdogan invoca l'offensiva da terra
FOCUS/ Gaza, anniversario della fondazione. Hamas mostra i muscoli
IL CASO/ 2 - Cucchi è morto per epilessia, non per pestaggi?
Gentiloni: "Chiederemo all'Onu di tornare in forze in Libia".
Formia, si è dimesso il sindaco Sandro Bartolomeo



wordpress stat