| categoria: Roma e Lazio

Zingaretti aumenta fondi e personale ai partiti, il M5S non ci sta

Roma - L'edificio che ospita il consiglio regionale del Lazio dista 40Km dal centro

Il gruppo consiliare del M5S Lazio ha deciso di non spendere i nuovi fondi stanziati per i gruppi dei partiti. I grillini della Pisana dicono no anche alla possibilità di assumere nuovi dipendenti di supporto al capogruppo. La somma messa a disposizione dall’ufficio di presidenza è aumentata fino a 20mila euro per ogni consigliere, «Ben oltre il limite fissato dal decreto 174 del 2012 (Spending Review)», sottolinea il Movimento 5Stelle.

Un limite ribadito nella conferenza Stato Regioni dei presidenti dei consiglieri regionali e delle province autonome che ha tentato di mettere freno allo sperpero di denaro pubblico per l’attività consiliare. Questi i motivi per cui il M5S Lazio si rivolgerà agli organi competenti di controllo della spesa pubblica per sollecitare una risposta chiara sull’effettiva ammissibilità della delibera.
Anche la nuova possibilità data ai gruppi consiliari di creare una struttura di diretta collaborazione formata da 3 persone a supporto dell’attività del capogruppo è giudicata dal M5S Lazio come una misura “ad hoc” per aggirare le norme sulla Spending Review con un aggravio per le casse regionali di 1.600.000 euro annui per il suo funzionamento. Il M5S Lazio non solo ha dichiarato che non se ne avvarrà ma che si riserva di sollevare il caso in tutte le sedi competenti.

E per il famigerato fondo per “rapporto eletto-elettore”, che è stato già versato nelle casse del gruppo, e che ammonta a più di 44.000 euro, i portavoce invieranno una comunicazione alla presidenza del Consiglio della Regione Lazio per conoscere le modalità e procedere alla sua restituzione.

«In un contesto socio-economico così drammatico, il M5S Lazio crede», ribadisce il movimento pentastellato «come più volte denunciato pubblicamente, che la prima a dover subire dei tagli debba essere la politica e spera che le altre forze operanti all’interno del consiglio Regionale condividano il suo metodo e le sue finalità, ponendo fine alla pessima abitudine che ha fino ad oggi contraddistinto la classe politica».

Ti potrebbero interessare anche:

D'Ubaldo (Lista Marchini): un registro comunale di badanti con il "bollino blu" per gestir...
I "Comunales" all'attacco. Sciopero. il 19 bloccheranno Roma
Ama, licenziati i primi assenteisti, arrivano anche le multe. E la raccolta? Procede
IL PUNTO/ La vendetta di Marino, lavare in piazza i panni sporchi del Pd
Rieti, grosso incendio al camping del Terminillo
CAPODANNO:AMA,A ROMA PIANO STRAORDINARIO PULIZIA AREE EVENTI



wordpress stat