| categoria: politica

La Cancellieri alle Camere: non chiesi la scarcerazione della Ligresti

Il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri alla Camera sul caso Ligresti. “In questi giorni sono stati posti diversi interrogativi sul mio operato da ministro della Giustizia – ha detto – a cui se ne sono aggiunti altri dal punto di vista professionale e personale. Fornirò dunque una ricostruzione precisa” dei fatti, per consentire a tutti di avere “un’opinione obiettiva” su quanto accaduto.

Prima il Guardasigilli era intervenuta al Senato: “Non ho mai sollecitato nei confronti di organi competenti la scarcerazione di Giulia Ligresti e non ho mai indotto altri ad agire in tal senso”, ha detto il ministro nel suo intervento in Aula.

“La scarcerazione di Giulia Ligresti non è avvenuta a seguito o per effetto di una mia ingerenza, ma per indipendente decisione della magistratura torinese”, ha spiegato il Guardasigilli. “E’ vero non tutti i detenuti hanno possibilità di avere diretto contatto” con il ministro della giustizia e “nessuno più di me avverte questa disparità di condizioni”, ha aggiunto durante la sua audizione al Senato riferendosi ai suoi contatti con i familiari di Giulia Ligresti. “E’ difficile essere vicina a tutti”, ha aggiunto Cancellieri.

“Ogni vita che si spegne in detenzione è una sconfitta per lo Stato e per il sistema carcerario. Io ne sento il peso e per questo ho dedicato parte rilevante mio impegno al problema carcere”, ha spiegato Annamaria Cancellieri.

“E’ difficile essere vicino a tutti come si vorrebbe”, ha detto Cancellieri sottolineando che in ogni caso le segnalazioni possono arrivare in “qualunque modo”, sia dal carcere sia dall’esterno, dal Dap o da familiari, associazioni e singoli parlamentari. “Spesso di queste segnalazioni – ha aggiunto – mi faccio carico personalmente in un colloquio quotidiano con l’amministrazione penitenziaria”.

“Tutte le risultanze contenute nel fascicolo giudiziario di Giulia Ligresti testimoniano in modo univoco e incontrovertibile” che la scarcerazione della donna è avvenuta senza ingerenze da parte di Annamaria Cancellieri. Lo ha ricordato lo stesso Guardasigilli citando quanto più volte affermato dal procuratore capo di Torino Giancarlo Caselli. Cancellieri, nel corso della sua audizione al Senato, ha sottolineato che sarebbe “arbitrario e destituito di ogni fondamento” ricondurre alla sua intromissione la scarcerazione di Giulia Ligresti tanto più che lo stesso Caselli ha ricordato che a determinarla sono state le condizioni di salute della donna e la sua richiesta di patteggiamento.

Nella telefonata con Gabriella Fragni “esprimevo un sentimento di vicinanza e mi rendo conto che qualche espressione possa aver ingenerato dubbi, mi dispiace e mi rammarico di avere fatto prevalere i miei sentimenti sul distacco che il ruolo del ministro mi dovevano imporre”, ma “mai ho derogato dal mio dovere”, ha detto Annamaria Cancellieri.

“Considero la fiducia del Parlamento decisiva per il prosieguo del mio mandato”: se, dunque, “capisco che è venuta meno o si è incrinata la stima istituzionale su cui deve fondarsi il mandato ministeriale”, allora “non voglio essere d’intralcio e pertanto non esiterò a fare un passo indietro”: cosi’ il Guardasigilli.

“Mai, dico mai, mi sono occupata” della vicenda di Jonella Ligresti. Lo ha detto il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri al Senato dopo alcune notizie di stampa. “Dalle verifiche effettuate con il Dap – ha aggiunto – è emersa l’assoluta linearità delle procedure seguite per Jonella Ligresti”.

“Nei miei comportamenti non ho mai assunto alcuna iniziativa, se non raggiunta da informazioni sulle aggravate condizioni di salute” di Giulia Ligresti ed “ho sempre agito senza mai derogare dai miei doveri di ministro”, ha ancora detto il ministro Annamaria Cancellieri al Senato.

‘Sono sinceramente rammaricata e addolorata’ per questa vicenda, ha aggiunto il ministro della Giustizia al termine del suo intervento al Senato sul caso Ligresti, ribadendo di aver “agito nello stesso modo in cui mi sono comportata in tutti gli altri casi”. “Spero – ha aggiunto – che emerga l’uniformità e la coerenza della mia condotta. Sono stata me stessa in tutti i momenti”.

Nella vicenda Ligresti, “mio figlio è stato indebitamente” coinvolto. Cosi’ il ministro Cancellieri, ricordando che il figlio è entrato in Fonsai nel maggio 2011 “ed in quel periodo avevo cessato dalle funzioni di commissario straordinario di Bologna ed ero una tranquilla signora che mai avrebbe pensato di diventare ministro”.

Nella vicenda di Giulia Ligresti “ho agito esattamente nello stesso modo in cui mi sono comportata in molti altri casi. Non ho bisogno di farne l’elenco. Sono tanti ed anonimi, più di cento solo negli ultimi mesi. Sono tutti agli atti degli uffici a disposizione per chi li volesse visionare”, ha detto il Guardasigilli nell’intervento al Senato.

Gremiti i banchi del Governo nell’aula del Senato. Il premier Enrico Letta ha ascoltato l’intervento del guardasigilli, seduto tra Dario Franceschini e Mario Mauro. Pdl è rappresentato da alcuni sottosegretari. Gremiti i banchi dei senatori di tutti i gruppi parlamentari. Assente Silvio Berlusconi. Un applauso si e’ levato dall’aula del Senato al termine dell’intervento del ministro Cancellieri: è la reazione unanime di Pd, Pdl e Scelta Civica. Hanno applaudito anche il premier Enrico Letta e i ministri dai banchi del governo. Braccia incrociate invece per M5S e Lega, che hanno accolto con freddezza le parole del guardasigilli.

”Invitiamo calorosamente e convintamente il ministro Cancellieri a rimanere a fare il ministro della Giustizia come lo sta facendo”, aveva detto in mattinata il vicepremier Angelino Alfano sottolineando che ”da parte nostra c’è il massimo sostegno” e che il Ministro ”è una persona per bene”

Ti potrebbero interessare anche:

DIETRO I FATTI/ Quanto ci costa la Polverini
Il passo indietro di Berlusconi, vota sì al senato. Fiducia al Governo Letta
Ballottaggi: l'8 alle urne 17 capoluoghi
Leopolda, Fassina attacca Renzi: "Quei due milioni vadano al partito"
UE/ Renzi, non ci intimoriscono. Ma Bruxelles frena
Slot machine, macchinette saranno dimezzate



wordpress stat