| categoria: salute

L’arancia come la mela, toglie il medico di torno

«Non solo la mela, ma anche l’arancia leva il medico di torno». Lo sottolinea la Confagricoltura in relazione all’ultimo Rapporto Efsa, l’Agenzia della Sicurezza Alimentare Europea, sul fabbisogno giornaliero di Vitamina C. «L’Agenzia – dice Confagricoltura – ha stabilito che bastano 90 mg di acido ascorbico al giorno – l’equivalente di un’arancia di calibro medio (calibro 6) – per avere tutti i benefici della preziosa vitamina. Basta una bella spremuta di arancia al giorno, un prodotto coltivato dai nostri agricoltori e donato dalla madre Terra, e si può assumere – evidenzia Confagricoltura – l’apporto medio giornaliero di vitamina C per stare bene». Confagricoltura ricorda che la Vitamina C (acido ascorbico) è un potente antiossidante e contrasta l’azione dei radicali liberi che possono danneggiare le cellule. Possiede una azione antiemorragica ed è coinvolta nello sviluppo e nella riparazione dei tessuti del nostro corpo ed è essenziale per la creazione del neurotrasmettitore norepinefrina, che aiuta a controllare gli impieghi del flusso del sangue e del rilascio del glucosio e mantiene la stabilità della vitamina E.

Ti potrebbero interessare anche:

A cinque anni oltre tre ore al giorno di tv aumentano l'anti-socialità
AIDS/ Oms, + 8% infezioni in Europa nel 2012. Fare più test
Livello zuccheri non riduce rischio cardiovascolare
Vaccini a donne in gravidanza proteggono neonati da malattie
Gelati in vaschetta, addio alla panna. Usati olio di palma e cocco
Policitemia vera, malattia rara da 1.000 casi anno



wordpress stat