| categoria: Senza categoria, spettacoli & gossip

Lo Zecchino d’oro spegne 56 candeline con Insegno e Maya

Dodici le canzoni in gara per altrettanti stili musicali compresa l’electro-dance; 17 i piccoli interpreti, di cui 14 provenienti da sette diverse regioni d’Italia e tre originari di Svizzera e Venezuela. Spegne cinquantasei candeline lo Zecchino d’oro, la storica manifestazione dell’Antoniano di Bologna che torna su Rai1 dal 19 al 23 novembre, in diretta dalle 17 alle 18.45 (dal martedì al venerdì) e il sabato dalle 17.10 alle 20. A seguire verrà riproposto su Rai Yoyo. A condurlo la consolidata coppia televisiva formata dall’attore e doppiatore Pino Insegno e dalla conduttrice Veronica Maya. « Lo Zecchino – fa notare Insegno – è l’unico brand che resiste da oltre cinquant’anni, insieme al Tg1. Io continuerò a mascherarmi come ho sempre fatto, solo che oggi ho 54 anni e i miei figli sono cresciuti e non mi salutano più. Ma l’ambiente di questa manifestazione è sano. Lo affronteremo come sempre con uno spirito di grande gioco. I bambini non dimentichiamolo devono fare i bambini, senza scimmiottare i grandi. Questo non è un talent». Veronica Maya nota che l’anno prossimo festeggerà il decimo anno in Rai: «Per me è l’ottavo anno consecutivo alla guida dello Zecchino- Sono felice di lavorare con Pino; siamo una coppia vera, spontanea, frutto di una reciproca stima. Quando sono con lui sono molto tranquilla». L’Ad di Rai net Piero Gaffuri svela che «la clip Rai più vista in assoluta su Youtube riguarda lo Zecchino d’Oro». Sono 50 i bambini del Piccolo Coro «Mariele Ventre» dell’Antoniano di Bologna, diretto da Sabrina Simoni, e 50 gli anni compiuti nel 2013 da questo complesso corale; 12 gli ospiti famosi a supporto delle canzoni; 10 gli arrangiatori che si esibiranno dal vivo per accompagnare i piccoli solisti; due i Presidenti di Giuria; cinque le giornate. Padre Alessandro Caspoli, direttore dell’Antoniano, ricorda che lo Zecchino d’Oro è una manifestazione nata nel 1959 con il sogno di regalare all’infanzia «un repertorio musicale dedicato sia per le tematiche affrontate dai testi, sia per il lavoro di ricerca legato alle melodie e agli arrangiamenti». E aggiunge: «il filo conduttore di questa edizione è il ritorno alle origini. Il tema centrale delle cinque giornate sarà la musica e, nello specifico, la musica d’infanzia; L’attenzione ai diritti dell’infanzia, a partire da una nascita sana e protetta, avrà giusta risonanza nel progetto solidale di Antoniano onlus dedicato ai bambini e alle mamme del Mozambico». Dal 18 al 25 novembre, 24 ore su 24, sarà possibile sostenere il progetto «Costruiamo Casa Ninna Mamma», contattando il numero 45508. Roberta Enni Vicedirettore di Rai1 sottolinea gli ascolti della trasmissione: «È un programma di successo non è facile fare il 18%; un successo assoluto». Martedì ascolteremo tutte le canzoni, poi il sabato la giuria formata da 20 bambini tra gli 8 e i 13 anni giudicherà 12 canzoni in gara per assegnare lo zecchino d’oro. Quello d’argento sarà assegnato venerdì.

Ti potrebbero interessare anche:

Consegnato alla Giunta il ricorso di Berlusconi a Strasburgo
Poker d'assi contro le malattie reumatiche
CINEMA/ Virzì al TG1 modera i toni, ma la polemica con la Lega continua
Da ristorazione a turismo, 22mila posti per l'estate
Italia, che brutta figura. E ora ci aspetta la Spagna
D'Alema si smarca e gioca in proprio, nasce "Consenso"



wordpress stat