| categoria: economia

Twitter vola in Borsa, chiusura a +72,69%

Esordio in volata per Twitter a Wall Street. La società che cinguetta apre a 45,10 dollari per azione, il 73% in più rispetto ai 26 dollari dell’ipo. Una cifra con la quale è valutata 18 miliardi di dollari: Twitter ha rivisto al rialzo il prezzo dell’ipo a 23-25 dollari nei giorni scorsi, dopo averlo inizialmente determinato a 17-20 dollari. Un avvio stellare, che spinge Twitter fino a 50 dollari per azione, il 90% rispetto al prezzo fissato, per poi ripiegare su 45-46 dollari. Nei primi 30 minuti di scambi, oltre 47 milioni di azioni passano di mano: il balzo iniziale del 73% spinge subito Twitter nell’olimpo delle maggiori ipo che hanno raccolto più di 500 milioni di dollari, collocandosi al sesto posto.

Twitter a Wall Street,26 dollari prezzo ipo,vale 18 mld – Twitter fissa a 26 dollari per azione il prezzo dell’initial public offering. Una cifra superiore alle attese, con la quale la societa’ che cinguetta e’ valutata 18 miliardi di dollari. I 26 dollari sono circa il 50% in piu’ del prezzo di riferimento di 17-20 dollari per azione comunicato solo due settimane fa, e gia’ rivisto al rivisto al rialzo nei giorni scorsi a 23-25 dollari per la domanda elevata. L’offerta e’ da 70 milioni di azioni, con la vendita delle quali raccoglie 1,82 miliardi di dollari. Considerando anche l’opzione per l’acquisto di ulteriori 10,5 milioni di azioni (opzione greenshoe), l’offerta sale a 80,5 milioni di azioni per 2,1 miliardi di dollari raccolti. Twitter, la maggiore ipo tecnologica dallo sbarco in Borsa di Facebook, esordira’ a Wall Street fra poche ore. Con l’ipo la societa’ che cinguetta raccogliere 2,1 miliardi di dollari, piu’ degli 1,9 miliardi di dollari di Google nel 2004, quando e’ sbarcata in Borsa. Ma le differenze fra le due societa’ sono evidenti: Google era gia’ in utile quando e’ arrivata a Wall Street, mentre Twitter ancora non lo e’. E sulle prospettive future della societa’ dell’uccellino si interrogano gli analisti. Goldman Sachs prevede una crescita dei ricavi del 32% nel 2015. Morningstar punta su un aumento del 64% ma le informazioni a sua disposizione sono piu’ limitate rispetto a quelle di Goldman Sachs, che e’ una delle banche che cura l’ipo di Twitter. La società ha scelto di quotarsi al New York Stock Exchange con il simbolo ‘TWTR’, a differenza di Facebook che ha preferito il Nasdaq, i cui problemi hanno complicato il primo giorno di scambi del social network, aprendo la strada anche ad azioni legali. Twitter fina dall’inizio ha cercato di prendere le distanze da Facebook, il cui prezzo alla quotazione era di 38 dollari per azione e che nel quasi primo anno di scambi e’ rimasto sotto la soglia.

Ti potrebbero interessare anche:

Riorganizzazione alla Peugeot Citroen con il 70% del salario
Debiti della P.A. nei confronti delle aziende, Confcoop: 'Un'impresa su tre fallisce per il ritardo ...
Cucinelli: nel nuovo cda la figlia Camilla
Confindustria, Squinzi torna a strigliare Renzi: "Ora i fatti"
FCA/ Sindacati pronti allo sciopero in Usa dopo il no all'accordo
Antitrust apre istruttoria su Mondadori e Rcs Libri



wordpress stat