| categoria: Senza categoria, spettacoli & gossip

MUSICA/ Pezzali in tour, parte “Max 20”

«Una grande festa per far cantare la gente»: è così che Max Pezzali ha presentato il suo nuovo tour ‘Max 20’ che come l’omonimo album pubblicato a giugno (e da allora fisso in top 100) festeggia i suoi vent’anni di carriera. E la festa è cominciata ieri da un Palabam di Mantova entusiasta e gremito, il primo di 17 velocissimi sold out nei palazzetti su 21 date tra novembre e dicembre. Ma non è un pubblico di nostalgici, quello di ‘Max 20’, e sono molti anche nelle prime file i giovanissimi che conoscono a memoria il repertorio ventennale sciorinato con generosità in una scaletta di oltre due ore: «la mia idea era di celebrare le canzoni, dar loro spazio», ha raccontato Pezzali prima del concerto. Ma il tour ‘Max 20’ è anche fra i più ambiziosi a livello scenografico, come ammette il cantante «il successo della prevendita ci ha dato la possibilità economica e la responsabilità di fare qualcosa di bello per i fan». Così non si è risparmiato in luci e videoproiezioni (dai fumetti in ‘Hanno ucciso l’uomo ragnò ai Mondiali di Germania 2006 ne ‘La dura legge del gol’), ma fra le novità c’è anche una sorpresa per i fan. Durante ‘Con un decà otto cannoni hanno sparato migliaia di riproduzioni della banconota da Diecimila Lire con impressa la faccia di Max Pezzali al posto di Alessandro Volta («una bella soddisfazione per chi è stato bocciato allo scientifico», scherza il cantante). Ma al di là degli effetti speciali sono le canzoni a farla da padrone, a partire dai nuovi inediti che hanno aperto lo show fino ai successi di vent’anni, cantati a squarciagola dall’intero palazzetto, come ‘Rotta per casa di diò, ‘Sei un mitò, ‘Nessun rimpiantò, ‘Tieni il tempò, o i lenti mescolati in un medley chitarra-piano-voce. Nessun ospite speciale a Mantova, dove la vera stella è stata Max, ma dei 14 duetti contenuti nel disco ‘Max 20’ qualcosa arriverà anche dal vivo (da Jovanotti a Raf, da Baglioni a Venditti). «A Milano e Roma ci saranno sorprese», anticipa Pezzali. Non rimangono fuori dalla scaletta neanche le canzoni che Max ha deciso di non cantare più («a 46 anni sarebbe grottesco», spiega), come ‘Jolly Bluè, ‘Te la tirì, ‘Bella verà remixate dal vivo da DJ Shablo. Ma l’occasione del ventennale porta Max a guardarsi indietro senza rimorsi: «sono soddisfatto di quello che ho fatto, ma non mi siedo sugli allori – racconta il cantante – sono fortunato ad aver lasciato una traccia, perchè con la crisi molta ‘fuffà sarà spazzata via». In quello che Pezzali definisce quasi un reset della sua carriera sono molti gli elementi del passato ritornati con forza, come il rapporto con Mauro Repetto, compagno degli esordi negli 883 che ha di nuovo collaborato con Max per due inediti di ‘Max 20’: «Mauro mi scrive mail ogni giorno per propormi idee fantascientifiche – rivela Max – prima o poi faremo un fumetto insieme». E poi c’è la storica ‘sfigà, argomento di molte canzoni del passato e ritornata nell’ultimo singolo ‘Ragazzo inadeguatò, «Un tempo la vivevo con ansia – dice – ma ora mi diverto». Un divertimento che Max intende vivere sul palco in questa festa continua che stasera passerà da Torino al Palaolimpico, uno fra i molti sold out che hanno convinto i promoter ad aggiungere otto nuove date nel mese di febbraio.

Ti potrebbero interessare anche:

Pechino accorcia di 39 minuti il colossal Cloud Atlas
QUIRINALE/ Il cavaliere freme: ora Bersani più debole, dovrà parlare con me
Gm, 302 morti per airbag difettosi
SCUOLA/ Renzi, cantieri per 3,5 miliardi da giugno
ZINGARETTI/ 2- Potenziati gli ospedali della provincia, cambiano ruoli e funzioni
MAFIACAPITALE/ La Cassazione conferma il carcere per Buzzi e Odevaine



wordpress stat