| categoria: esteri

Francia, insulti razzisti in copertina contro il ministro Taubira

Christiane Taubira è di nuovo il bersaglio di insulti razzisti in Francia. Questa volta arrivano dal settimanale Minute, vicino all’estrema destra, che, nel numero in edicola domani, pubblica in copertina la foto della ministra della Giustizia con un titolo che la paragona ad una scimmia. Insulti che sollevano lo sdegno di tutta la classe politica e la solidarietà dei social network. Il giornale usa un titolo a doppio senso: letteralmente è scritto «Taubira ritrova la banana», un’espressione colloquiale francese che vuol dire «ritrova il sorriso». Il sottotitolo è: «Furba come una scimmia». Secondo il sito internet di Europe 1, che cita fonti vicine al ministero, Christiane Taubira, discendente di schiavi e nata in Guyana, non sarebbe intenzionata ad avviare un’azione in giustizia contro il giornale. Reagire, avrebbero riferito queste fonti a Europe 1, «non farebbe altro che aumentare del 10% le vendite del settimanale». In molti invece a sinistra chiedono che la distribuzione del giornale venga sospesa, mentre il portavoce dei deputati del Ps, Thierry Mandon, consiglia al partito di sporgere denuncia. Denuncia per «incitazione all’odio razziale» che del resto l’associazione umanitaria Sos Razzismo si sta già preparando a presentare al tribunale di Parigi. Su twitter molte personalità politiche di destra e di sinistra, ma anche molti anonimi, hanno denunciato la pubblicazione. Le parole usate da Minute sono giudicate «ignobili» dal segretario del partito socialista Harlem Desir: «Stop al razzismo e all’estremismo», ha scritto Desir su Twitter. Sono «frasi nauseabonde e inaccettabili» per la ministra dello Sport, Valerie Fourneyron. Mentre la responsabile della Sanità, Marisol Touraine, ritiene che il giornale «inciti all’odio razziale». La copertina a sfondo razzista è stata condannata anche da Eric Ciotti, deputato dell’Ump: «il razzismo – ha osservato Ciotti – non ha posto nel dibattito politico». Essa ricorda gli attacchi a sfondo razzista di cui è già stata vittima di recente la Guardasigilli (che ha dato il suo nome alla legge sul matrimonio gay in Francia). Una esponente (poi sospesa) del Fronte Nazionale, il partito di estrema destra di Marine Le Pen, l’ha paragonata a ottobre a una scimmia, mentre un gruppo di adolescenti di Angers si sono rivolti a lei, durante una manifestazione contro le nozze gay, brandendo bucce di banana con lo slogan «Mangia la banana bertuccia!». La ministra, il cui caso ricorda quello italiano degli insulti alla titolare del dicastero dell’Integrazione Kyenge, era insorta alcuni giorni dopo avvertendo che insulti di questo tipo sono degli «attacchi al cuore della Repubblica»: «Quello che mi stupisce di più – aveva detto – è che non ci sia stata una voce chiara e forte che si sia alzata per denunciare questo sbandamento della società francese».

Ti potrebbero interessare anche:

Afghanistan, gli italiani distruggono i ripetitori radio dei ribelli
REP.CENTRAFRICANA/Francia in azione, 1600 soldati in campo. Croce Rossa: 394 morti a Bangui
"Figlio mio, lascia l'Isis e fuggi con me". Ma lui decapita la madre
USA2016/ Trump caccia donna musulmana dal suo comizio
USA2016/ I repubblicani pensano a un indipendente anti-Trump
Trump cerca 4,1 miliardi di dollari per il muro



wordpress stat