| categoria: salute, Senza categoria

Un decalogo contro le cure dei denti di bassa qualità

Come riconoscere una protesi eseguita a regola d’arte e tutelarsi da prestazioni a basso costo, il cui risparmio è solo apparente. In occasione del 32esimo congresso internazionale Aiop, in corso a Bologna, gli esperti dell’Accademia italiana di odontoiatria protesica spiegano agli italiani, che con la crisi economica già in 600 mila si sono affidati al dentista low cost, come difendersi da cure definite di ‘non qualita«. A tal proposito, l’Aiop ha stilato alcuni semplici consigli, un decalogo. Ecco alcune regole d’oro: la corona non deve risultare più alta degli altri denti, in pratica non deve ‘toccare primà; i contatti con i denti vicini devono essere precisi, occorre infatti poter usare il filo interdentale, che deve incontrare una buona resistenza senza rompersi o sfilacciarsi; la gengiva a contatto con il bordo della corona non deve arrossarsi o sanguinare; la corona non deve staccarsi accidentalmente; il colore della ceramica deve essere simile a quello dei denti vicini. »Esistono procedure complesse per la produzione a regola d’arte di un prototipo, ad esempio una corona protesica in porcellana«, spiega Leonello Biscaro, presidente Aiop. »Vi sono passaggi clinici e tecnici, attrezzature e competenze specifiche, spesso sconosciute alla popolazione. Se l’odontoiatra è il garante della correttezza della diagnosi e di tutte le procedure cliniche, all’odontotecnico spetta il fondamentale compito di assicurare la qualità dei materiali utilizzati, ottemperando alla direttiva europea 93/42 che l’Italia che recepito in maniera estremamente più rigorosa di altri Paesi europei, specialmente quelli oggetto del cosiddetto turismo odontoiatrico. Il nostro obiettivo è quello di sensibilizzare il cittadino-paziente sul fatto che, se è difficile rapportare la qualità al prezzo, è invece logicamente possibile rapportare la non qualità al costo di produzione: al di sotto del costo di produzione è verosimile ricevere una prestazione di non qualità«. «È ormai palese la crescita degli utenti che realizzano impianti, ponti e protesi dentarie in Paesi dell’Est Europa», ha dichiarato Alessandro Amato, vice presidente Codacons. «Basti pensare ai risultati ottenuti digitando sui motori di ricerca le parole dentista low cost o turismo dentale. Alla base del fenomeno vi sono i costi ridotti, inferiori fino al 60% rispetto alle tariffe praticate in Italia. Tuttavia, è necessario far comprendere al cittadino attirato da prezzi contenuti e tempi rapidi di esecuzione che questi due elementi non possono convivere in trattamenti a elevato contenuto specialistico. Agire sui costi, riducendo il tempo dedicato alle cure, è controproducente perchè mette in pericolo il successo a lungo termine della terapia. Altra criticità riguarda i materiali utilizzati, spesso prodotti scadenti e a basso costo che possono determinare l’insorgere di nuovi problemi». Anche nella salute dentale, quindi, sembra valere la vecchia regola del chi più spende meno spende: un lavoro eseguito con materiali di alta qualità e metodiche innovative, durerà sicuramente di più nel tempo, evitando al paziente di doversi sottoporre a futuri interventi correttivi e consentendogli così un risparmio nel lungo termine. Inoltre, valgono le regole dettate dal buon senso. I pazienti devono, infatti, prestare particolare attenzione ai tempi: gli interventi, specialmente quelli più complessi, richiedono diversi passaggi, nel rispetto dei cosiddetti tempi biologici dei tessuti su cui si opera e delle caratteristiche dei materiali. Occorre esigere le dovute attestazioni, perchè l’assistito ha diritto a richiedere sempre garanzia, certificazione dei materiali impiegati e lotti di provenienza per accertarsi che siano prodotti di qualità. Anche pulizia, ordine e sterilità dello studio, elementi imprescindibili per l’esecuzione di interventi a regola d’arte, possono aiutare il paziente a farsi un’idea di come il professionista approcci il lavoro. Infine, informarsi sull’assistenza post intervento: il paziente protesico inizia, al termine del lavoro, un nuovo percorso in cui si sottoporrà a sedute di igiene orale periodiche e a controlli del decorso dell’intervento. Deve quindi accertarsi che la struttura sia in grado di gestire adeguatamente anche questa fase.

Ti potrebbero interessare anche:

I carabinieri scoprono 40 falsi ciechi nel Lazio
Sette medici di famiglia su dieci coinvolti nella telemedicina
Spese pazze, indagato l'ex presidente del consiglio regionale del Molise
USA/ Fusione Pfizer-Allergan, la Casa Bianca critica l'operazione
Boschi chi? E' Natale, siamo tutti più buoni
IN PRIMO PIANO/ Lo scandalo Codivilla



wordpress stat