| categoria: salute

AIDS/ Oms, + 8% infezioni in Europa nel 2012. Fare più test

Secondo i nuovi dati diffusi oggi dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e l’Ufficio regionale per l’Europa dell’Oms, più di 131.000 nuove infezioni da Hiv sono state segnalate nella Regione europea nel 2012. Circa 10.000, ovvero l’8%, in più rispetto al 2011. Questo dato, diffuso in vista della Giornata mondiale dell’Aids del 1 dicembre, «conferma un costante aumento nella Regione nel corso dell’anno: un +9% nei Paesi dell’Europa orientale e dell’Asia centrale e una crescita inferiore all’1% nei Paesi dell’Unione europea». Mentre i casi di Aids segnalati hanno mostrato un declino costante del 48% in Ue, il numero di persone con nuova diagnosi di malattia è aumentato del 113% nella parte orientale del vecchio continente tra il 2006 e il 2012. Un incremento strettamente legato «alla bassa copertura delle misure di prevenzione e di terapia anti-retrovirale» in queste aree, scrive l’Oms Europa. Sebbene il numero di persone bisognose che hanno ricevuto la terapia anti-retrovirale sia aumentato notevolmente nel 2011-2012 in Europa, esse rappresentano solo un paziente su tre in stato di bisogno. «Sappiamo che fornire il prima possibile la terapia anti-retrovirale permetterà alle persone sieropositive di vivere più a lungo una vita più sana, e ridurrà il rischio di trasmissione dell’Hiv agli altri», afferma Zsuzsanna Jakab, direttore regionale per l’Europa. «L’epidemia di Hiv in Europa non è finita, e il nostro obiettivo di arrestarne la diffusione entro il 2015 è ancora raggiungibile in molti Paesi», sostiene l’esperta. Per l’Ecdc è cruciale implementare i test e garantire a più persone le cure mirate subito, come spiega Marc Sprenger dell’Istituto europeo.

Ti potrebbero interessare anche:

Alzheimer, test per identificare la malattia prima dei sintomi
Stop a false promesse di terapie e cure per autismo
Cnr, arriva il glutine digeribile
Il segreto per dimagrire? Il peperoncino
Dislessia, ecco la App che individua i casi a rischio e li corregge
CALDO/ Bere poco e pressione troppo bassa i nemici del cuore



wordpress stat