| categoria: attualità

Mandela, funerali di Stato e sepoltura il 15 dicembre

Il feretro di Nelson Mandela

I funerali di Stato di Nelson Mandela, l’uomo che ha sconfitto l’Apartheid diventando il primo presidente nero nella storia del Sudafrica, morto ieri all’età di 95 anni, si terranno il 15 dicembre a Qunu, il piccolo villaggio nella provincia dell’Eastern Cape dove “Madiba” trascorse l’infanzia e dove fu iniziato a quella che si sarebbe rivelata una vita difficile e straordinaria. E lì, a Qunu, Mandela sarà sepolto, come desiderava. Il sudafricano Mail & Guardian ha ricordato come “Madiba” abbia lasciato, già 20 anni fa, istruzioni precise: una cerimonia sobria, solo una pietra a segnalare la sua tomba.

Le solenni esequie saranno precedute martedì 10 dicembre da una grande celebrazione nazionale allo stadio di Soweto, dove Mandela fece la sua ultima apparizione pubblica, nell’estate 2010, in chiusura della Coppa del Mondo di calcio. Il programma è stato annunciato dal presidente Jacob Zuma, che ha inoltre indicato in domenica prossima, 8 dicembre, un giorno di preghiera e riflessione per lo scomparso Padre della Nazione.

Nei dieci giorni che separano dai funerali, i sudafricani potranno rendere omaggio a Mandela dall’11 al 13 dicembre a Pretoria, quando il feretro resterà esposto presso la sede della Union Buildings, sede della Presidenza della Repubblica.

Intanto, le sedi diplomatiche sudafricane aprono i libri delle condoglianze ed espongono le bandiere a mezz’asta. Anche a Roma, dove presso l’ambasciata sudafricana in via Tanaro 14, il libro di condoglianze per “Madiba” resterà aperto da oggi fino al 15 dicembre.

Ti potrebbero interessare anche:

Pisanu: "Stato-mafia, nessuna trattativa, ma interventi autonomi di uomini dello Stato
Al Viminale tre liste Monti, ma la prima non è del premier
Casini: "Balliamo da soli, non saremo la stampella di nessuno"
Corona: temo per la mia vita nelle carceri italiane
Carceri, Corte Strasburgo respinge ricorsi dei detenuti italiani
FOCUS/Prestito ponte alla Grecia, nuovo grattacapo per l'Eurogruppo



wordpress stat