| categoria: turismo

CAMPANIA/ Il ‘Dolce Natale’ dei monumenti

Quest’anno in Campania sarà un ‘Dolce Natale’: è stata presentata la nuova offerta turistica per le feste che abbina i musei più suggestivi della regione alle golosità della tradizione. Otto gli appuntamenti lanciati da Campania Artecard dal 26 dicembre al 5 gennaio: a Napoli (Museo di San Martino, Catacombe di San Gennaro e Museo Madre a Napoli) ma anche al Complesso delle Basiliche Paleocristiane di Cimitile al Museo Correale di Sorrento, alla Certosa di San Lorenzo a Capri, a Villa Rufolo a Ravello e al Belvedere di San Leucio a Caserta. Filo conduttore la storia delle le dolcezze natalizie campane, la cui degustazione offrirà lo spunto per raccontare ai turisti, accolti da storici dell’arte, tradizioni e curiosità delle feste attraverso la pittura, l’arte presepiale, le testimonianze archeologiche. Il curatore, l’esperto Fabrizio Mangoni, ha accostato i dolci (roccocò, sapienze, struffoli, raffioli, divino amore, susamielli, mustaccioli, paste reali, zeppole sorrentine e amalfitane, mostaccioli imbottiti) ai siti monumentali svelandone segreti e curiosità. Prevista anche una performace teatrale di Nunzia Schiano. La partecipazione è gratuita per tutti i possessori di Campania>Artecard, la card turistica realizzata dalla Scabec SpA, Società Campana per i Beni Culturali, promossa e finanziata dalla Regione Campania Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali, ”Ampliamo per le feste l’offerta turistica di una regione che è già un museo a cielo aperto con una preziosa ventrina per le nostre eccellenze” ha detto l’assessore al Turismo presentando l’evento con il soprintendente al polo museale napoletano Fabrizio Vona, in una ‘anteprima’ al Museo di San Martino, con il suo presepe tappa classica del turismo natalizio.

Ti potrebbero interessare anche:

Liguria, nel 2012 più ospiti in abitazioni private che in alberghi
Viterbo: corteo storico, in 300 con abiti di 7 secoli
Forte dei Marmi compie cent’anni
Case cantoniere e ferrovie cuore del turismo sostenibile
Pisa festeggia il suo 'capodanno', è già 2017
Lugano, nuova capitale della cultura



wordpress stat