| categoria: politica

CAMERA/ ‘Agendine’: in tempi di crisi l’addio al gadget natalizio per i parlamentari

Addio alla tradizionale ‘agendinà della Camera. In tempo di crisi e tagli al finanziamento pubblico ai partiti, va in soffitta anche il gadget natalizio più ambito, che gli onorevoli acquistavano per regalare a parenti e amici. Da sempre, le agende, grandi o piccole, in pelle blu o bordeaux con piccola rubrica per segnare i numeri telefonici, sono state considerate un must. I prezzi variavano da 50 a 20 euro. Nel dettaglio, quella da tavolo costava 50 euro, mentre le piccole 18,50. In Transatlantico, a Montecitorio, tra big e peones di vario colore politico, il dibattito è aperto. C’è chi plaude al taglio in nome della spending review, senza rimpianti per il passato, perchè considera le agendine uno dei ‘simbolì della casta. C’è chi, invece, tra i parlamentari di lungo corso, storce il naso, perchè vede scomparire uno status symbol legato alla vita parlamentare. Nel passato, la fornitura di agende era divisa in più lotti: la Camera si accollava le spese di quattro agende per ogni parlamentare (una da tavolo, e tre piccole) e di alcune centinaia destinate ai dipendenti, mentre un altro tot poteva essere acquistato. Chi è contrario alla ‘sforbiciatà se la prende con i vertici di Montecitorio, ma la decisione risale alla precedente legislatura. Con una circolare diffusa il 28 novembre scorso tra i deputati, i questori della Camera, Stefano Dambruoso, Paolo Fontanelli e Gregorio Fontana, hanno ricordato ai parlamentari che, «per effetto delle decisioni assunte nel corso della XVI legislatura per il contenimento della spesa della Camera dei deputati, non è più prevista la tradizionale fornitura di agende e agendine parlamentari». Il taglio della fornitura, a quanto si apprende, ha investito anche palazzo Madama.

Ti potrebbero interessare anche:

Renzi: "La candidatura di Prodi non c'è più"
IL PUNTO/ La perplessità di Napolitano, la marcia indietro di Letta
CARCERI/ Pannella rompe lo sciopero della sete. "Brindo a Sergio"
Tante storie e poi i dipendenti della Camera valgono 281 milioni di pensioni
La nuova Forza Italia nel segno di Tajani e Carfagna ?
SALVINI GELA FI, ACCORDI LOCALI; CAV IRONICO, VA CAPITO



wordpress stat