| categoria: Dall'interno

NOVARA/ Il dramma della crisi, uccide la moglie e poi si suicida

Ha impugnato la pistola di ordinanza della moglie, guardia giurata all’aeroporto di Malpensa, e l’ha uccisa. Poi ha rivolto l’arma contro se stesso e si è suicidato. Omicidio-suicidio a Loreto, piccola frazione di Oleggio, in provincia di Novara. Gennaro Esposito e Iole Stefania Bordignoni, entrambi 55 anni, sono morti nella loro villetta, uccisi forse dalla crisi economica che li stava angosciando. Da alcuni mesi – dicono alcuni vicini di casa che li conoscevano bene – l’azienda edile dell’uomo non girava più come una volta. A scoprire la tragedia è stata, oggi pomeriggio, la figlia della coppia, anche lei guardia giurata a Malpensa, che ha subito dato l’allarme a carabinieri e 118. All’arrivo dei soccorsi, al primo piano della casa in via Raspagna 93, la strada che collega la frazione di Loreto alla valle del Ticino, per marito e moglie non c’era però nulla da fare. «Avevano qualche difficoltà, ma come tanti altri», dicono i vicini della coppia, ancora sotto choc. «Erano una coppia molto affiatata, tranquilla, disponibile con tutti – aggiungono -. Quanto accaduto è incredibile, ci sembra impossibile». I carabinieri, intervenuti sia dalla stazione locale sia dal comando provinciale di Novara, sono ancora sul posto. Al lavoro anche il Nucleo rilievi scientifici dell’Arma, che stanno cercando di ricostruire l’esatta dinamica della tragedia. E di trovare conferme alla prima ricostruzione, quella appunto in base alla quale l’uomo ha ucciso la moglie, sparando diversi colpi di pistola, e poi si è suicidato. La coppia non era originaria di Oleggio, dove viveva però da alcuni anni. «Siamo sconvolti, non c’è spiegazione per questa tragedia», dicono con le lacrime agli occhi alcuni vicini di casa che frequentavano la coppia. La crisi economica, se le prime ipotesi degli investigatori verranno confermate, torna dunque a uccidere. Sono frequenti i casi di persone che, oppresse dai debiti o preoccupate per un futuro di incertezze, scelgono la morte a una vita di stenti. Negli ultimi sette anni, in base ai dati diffusi di recente dall’International Association for suicide prevention e dalla Organizzazione mondiale della sanità, in Italia i suicidi sono aumentati del 12%. Un tragico ‘piccò che vede nel perdurare della crisi economica una delle cause più frequenti.

Ti potrebbero interessare anche:

Farmaci e cibi scaduti, chiuse 18 strutture per disabili e anziani
ESCORT/ Pm, Tarantini tentò di reclutare la Arcuri per il Cav
Sessantuno miliardi di euro buttati per emergenze idrogeologiche e sismiche
Papa Francesco severo sulla pedofilia: non dobbiamo tollerare gli abusi sui minori
Migranti: naufraga un altro gommone, recuperati sei corpi
Calabria, treno investe famiglia sui binari: due bimbi morti, grave la madre



wordpress stat