| categoria: Dall'interno, economia

RIMINI/ Fondatore di ‘Valleverde’ indagato per bancarotta fraudolenta

Armando Arcangeli, fondatore della Valleverde, noto marchio di calzature con sede di produzione a Coriano, nel Riminese, e vari punti vendita, sarebbe indagato per bancarotta fraudolenta dalla Procura di Rimini, insieme ad altri imprenditori. La notizia è riportata dalla stampa riminese all’indomani della manifestazione, proprio davanti al Tribunale di Rimini, di una sessantina di lavoratori della Valleverde che chiedono rassicurazioni per il posto di lavoro. Venerdì mattina i lavoratori si sono ritrovati nel piazzale antistante il Tribunale e una delegazione accompagnata da sindaco di Coriano è stata ricevuta dal presidente Rossella Talia. La Procura intanto ha avviato un fascicolo per bancarotta fraudolenta dopo che la Valleverde, diventata la società Spes messa in liquidazione, grazie ad un accordo con la nuova Valleverde Srl, avrebbe dovuto sanare un debito di 45 milioni di euro. Il concordato preventivo prevedeva il pagamento del 15% per i creditori chirografari. La Valleverde Srl, legata a un gruppo di imprenditori del nord, sarebbe dunque dovuta subentrare nella produzione, in affitto d’azienda. Per la magistratura, però, qualcosa nei passaggi societari non quadra. La lotta dei lavoratori intanto prosegue e questa sera alle 18.30 i sindacati hanno organizzato a Coriano una fiaccolata di sostegno agli operai.

Ti potrebbero interessare anche:

Lotta alla 'Ndrangheta, 65 arresti anche fra i vip : politici, imprenditori, avvocati e medici. Ind...
Venezia, il Ponte di Rialto chiude (in parte) per controlli
EXPO 2015/ Sbarca a Monza il tour dell'Anci per presentare i contenuti dell'esposizione
Lotteria Italia: venduto a Roma il primo premio da 5 milioni
Agenzie di rating, tutti assolti nel processo di Trani
25 APRILE, AL MARE UN ITALIANO SU 3, BENE TURISMO VERDE



wordpress stat