| categoria: salute

USA/Rischi ictus più alti di un terzo tra gli ansiosi

Chi soffre di ansia cronica e intensa può correre rischi di avere un ictus cerebrale sino ad un terzo più alti di chi vive la vita con calma: la cattiva notizia viene da uno studio di lungo termine su oltre 6.000 volontari tra i 25 ed i 74 anni di età. Condotta all’università di Pittsburgh dagli anni ’70, la ricerca ha seguito la salute, l’ansia e l’incidenza di ictus tra i partecipanti per più di trent’anni. Pubblicato sulla rivista scientifica ‘Stroke’, il rapporto spiega che il livello di ansia risulta direttamente correlato all’aumento dei pericoli di ictus. Il 33% dei volontari con il tasso di ansia giudicato più intenso ha evidenziato un aumento dei rischi di ictus di un terzo in più rispetto a chi risultava nella categoria dei meno ansiosi. Gli autori della ricerca sottolineano che l’ansia di per sè può condurre a comportamenti errati dal punto di vista della salute come il fumo e a problemi cardiovascolari.

Ti potrebbero interessare anche:

Cellule della pelle diventano cerebrali, speranza contro la sclerosi
L'Alzheimer è futura pandemia, da Milano il primo modello per gestirla
Fare sport riduce del 12% il rischio di ammalarsi di tumore al seno
Spigole e orate contengono sostanze neurotossiche?
Crisi, addio dieta mediterranea: -25% olio d'oliva, -7% frutta
La danza nuovo 'farmaco' per combattere l'ipertensione



wordpress stat