| categoria: Roma e Lazio

Roma, vigili urbani multano su twitter

«I vigili si armano di twitter. Arrivano le prime multe ‘social’». A scriverlo, in un tweet, è Raffaele Clemente, comandante della polizia locale di Roma Capitale. Clemente nelle scorse settimane aveva esortato i cittadini a denunciare via twitter le infrazioni, in particolare per la sosta selvaggia, sulle strade capitoline. E i cittadini, armandosi anche di consigli, hanno risposto con numerose segnalazioni.

Con le multe via twitter «si rischia di scatenare pericolose faide di vicinato, dispetti o vendette nei confronti del coinquilino antipatico». Giordano Biserni, presidente dell’Asaps (Associazione Sostenitori e Amici Polizia Stradale) considera «discutibile ed eccessiva» la possibilità di segnalare infrazioni stradali via twitter alla polizia municipale di Roma. «Può essere una misura utile solo per segnalare pericoli, blocchi della circolazione, situazioni rischiose come ad esempio un incidente in prossimità di una curva, ma non mi spingerei oltre», dice all’Adnkronos. Il rischio insito nelle ‘multe social’, insomma, «è quello di dare vita a una sorta di ‘grande fratello’ stradale. Molto meglio -aggiunge Biserni- inviare più pattuglie di polizia municipale e forse dell’ordine sul territorio per la verifica del rispetto delle norme del codice della strada. Non c’è bisogno delle segnalazioni dei privati sui social network per trovare le auto in doppia fila e in divieto di sosta».

Ti potrebbero interessare anche:

RIFIUTI/ Clini manda i Noe per accertare capacità impianti
Udc allo sbando nella capitale. Forse non presenta neanche la lista
RIFIUTI/ Storace: 'Zingaretti prenda una posizione chiara'
Gay Pride, parata fino al Colosseo. Marino apre il corteo
E' l'ultima delle domenica antismog. E si corre il Maratona
Referendum Atac, non c'è il quorum: affluenza al 16%



wordpress stat